Gossip e Tv

Domenico Modugno, chi è il figlio segreto Fabio Camilli: “È stato uno choc, non pensavo fosse mio padre”

Fabio Modugno, figlio di Domenico, mito della canzone italiana, ha rilasciato un’intervista ai colleghi di “Quotidiano Nazionale”, nella quale ha raccontato come abbia scoperto chi fosse realmente suo padre e, soprattutto, la battaglia legale durata diciotto anni per farsi riconoscere legalmente come figlio del cantante. L’uomo, 59 anni, ha svelato di non avere mai conosciuto di persona suo padre, anche se avrebbe voluto. La verità inattesa lo travolse letteralmente nel 1987: “Mentre ero all’ospedale del Celio per la visita militare – ha affermato –, ho ricevuto la telefonata inaspettata da un’amica. Pensava che fosse giusto che lo sapessi anche io, visto che era un segreto di Pulcinella. È stato uno choc”.

Il libro di Fabio Modugno racconta di come da ragazzo ha scoperto di essere figlio di Domenico. Nel 1987 Fabio che di cognome fa Camilli è un attore venticinquenne di buona famiglia,riceve una telefonata sconvolgente: un’ex fidanzata gli dice che sta avendo una storia con l’amico comune Marcello Modugno, figlio di Domenico, e che ha notato una somiglianza tra loro due. Ma quando gliel’ha fatto notare, Marcello è andato su tutte le furie, le ha fatto giurare di non dire niente a nessuno per poi rivelarle che sì, Fabio è effettivamente il suo fratellastro. È nato da una relazione tra il grande Mimmo e una ballerina, Maurizia Calì. Entrambi erano già sposati e hanno tenuto il segreto: per tutti Fabio è figlio di Romano Camilli, capo ufficio stampa del teatro Sistina e marito di Maurizia, con cui ha già una figlia. 

Quando Camilli deciderà di rendere pubblica la storia i due fratelli parleranno solo tramite avvocati. La battaglia legale durerà vent’anni e si concluderà solo nel 2019, con una sentenza della Cassazione che acquisisce la prova del Dna e stabilisce che Fabio è figlio di Domenico. “Come chiunque lo veda di persona può confermare: sono identici”, sottolinea Repubblica. “Da attore ho cambiato tanti look e in quel periodo avevo i baffi. Poi certo, quando ho portato la foto all’editore è sembrata una scelta naturale. Pensi che qualche mio amico non mi ha nemmeno riconosciuto: hanno pensato che fosse Mimmo, o un effetto grafico che fondeva i due volti”.

“Ancora oggi, dopo aver visto il libro su Instagram, una vecchia amica mi ha contattato per dirmi di averlo saputo già quando avevamo sedici anni… cioè nove anni prima di me! E allora ripenso a certe serate in cui magari prendevo la chitarra e mi mettevo a cantare. Immagino le risatine, i sussurri. Davvero ero l’unico fesso che non sapeva?. Quello che ho sempre ritenuto mio padre forse aveva dei sospetti, ma non l’avrebbe mai ammesso nemmeno con sé stesso. Era un burbero, sempre incazzato, il terrore del Sistina. Prima di una prima a teatro lo sentivo ringhiare al telefono: “Ah, il ministro vuole due biglietti? E sti cazzi, je dica d’annassene aff***!”. Infine Camilli spiega il perché del libro: “Ho capito che mi piaceva mettere ordine nei ricordi. È stato catartico. Come mi disse la mia analista quando ancora titubavo: devi smettere di crederti superiore, questa storia devi tirarla fuori. Altrimenti rischi di finire come un matto che gira per strada col carrello della spesa gridando: ‘Io so’ er fijo de Modugno!’. Aveva ragione lei”.

Quella notizia sconvolgente, però, non ha prodotto una reazione immediata in lui, in quanto aveva già molti problemi irrisolti con la madre e con colui che credeva essere suo padre: “Ero in un momento così caotico nel mondo degli affetti che la rivelazione mi ha paralizzato per diversi anni. Non riuscivo ad affrontare quello che pensavo fosse mio ‘padre’, figuriamoci se ci sarei riuscito con un altro…”. Peraltro, per molti anni Fabio ha avuto un rapporto di amicizia con Marcello Modugno, figlio legittimo di “Mimmo”, ignorando di esserne il fratellastro: “Ci siamo frequentati a lungo, abbiamo anche lavorato insieme in uno spettacolo. Un percorso che però a un certo punto si è interrotto, non per colpa mia”.

La famiglia di Domenico Modugno, ha raccontato Fabio, quando la questione è uscita sui giornali nel 2001 si è spaventata e lo ha rinnegato: “Hanno cominciato a far passare di me l’immagine di un mitomane, un pazzo, uno che si inventava le cose. Marcello, dopo la pubblicazione dell’articolo su ‘Il Foglio’, mi propose una specie di scambio: se avessi firmato un documento in cui rinunciavo alla mia quota di patrimonio, loro mi avrebbero pubblicamente accettato con una foto di famiglia nella loro piscina, io accanto ai miei fratellastri”.

La madre di Fabio Modugno non gli ha mai detto la verità, nonostante tutti ne fossero a conoscenza. Lei “si raccontava delle storie e ci credeva fino in fondo. Anche con le prove davanti agli occhi, lei restava coerente con la sua storia. Mi diceva sempre di non essere sicura che io fossi figlio di Modugno”. Oggi, il 59enne ha scelto di scrivere tutto in un libro a seguito di un tumore, il linfoma di Hodgkin, comparso nel 2017 e che lo ha costretto a casa.

Back to top button