Cinema

Don Luigi Ciotti, un film per il prete antimafia

Gli anni 90′ siciliani sono stati a dir poco cruenti. Lotte, morti e stragi per una guerra che ha dilianiato la Sicilia, quella di mafia. Eroi e mostri sono succedutosi attraverso questo conflitto universale di origini contadine. Tra i dillazzatori, i grattacapi, Don Luigi Ciotti è stato un rappresentante di punta, sempre contro per il bene di tutti.

Per una Sicilia legale è non più legata.

L’estate del 1992 ha sconvolto l’Italia, le stragi di Capaci e di via D’Amelio hanno spazzato via anni e anni di lotte contro la mafia. Hanno ucciso martiri che hanno dedicato il loro impegno alla giustizia sempre più infangata e più difficile da ripulire. Sono morti per la loro gente, per chi ci credeva o stava iniziando a crederci, per chi dopo di loro ha deciso di metterci la faccia. Don Luigi Ciotti è uno di questi pronto ad essere coraggioso nel momento in cui era più rischioso esserlo.

Don Luigi Ciotti e la sua scorta foto dal web. Don Luigi Ciotti
Don Luigi Ciotti e la sua scorta foto dal web

Prima della lotta contro la mafia, la difesa degli emarginati, il sostegno ai giovani tossicodipendenti e la mano sempre rivolta gli ultimi.

“Così in terra” di Pier Lorenzo Pisano documenta l’attività del presbiteriano contro la mafia iniziata con la fondazione del mensile “Narcomafie” nel 1992 e l’istituzione dell’associazione “Libera. Associazioni, nomi e numeri contro le mafia” nel 1995. Questa coordina più di 1600 realtà associate nazionali ed internazionali volte a sollecitare la società e le istituzioni alla rivolta contro la criminalità organizzata. Un documento che intreccia la cruenta storia contemporanea italiana e la vita di un prete votato alla ribellione.

Libera alla giornata della memoria foto dal web. Don Luigi Ciotti
Libera alla giornata della memoria foto dal web

Un film per riflettere, attraverso la figura di Don Luigi Ciotti, su quanto è stato fatto e quanto ancora c’è da fare per estirpare un cancro che sta sempre più espandendosi e fa sempre più male. Restate a casa.

Seguiteci su MMI, Il cinema di Metropolitan, Facebook, Instagram,Twitter.

Back to top button