Cinema

Ecco tutti i vincitori dei Golden Globe

Nella serata di ieri, 10 gennaio, si è svolta la cerimonia di premiazione degli attesissimi Golden Globe 2023, i riconoscimenti del cinema e della televisione assegnati dalla Hollywood Foreign Press Association. Da “The Fabelmans” ad “Abbott Elementary“, scopriamo i vincitori dei premi più importanti.

Golden Globe 2023, chi ha vinto i premi più importanti

Ecco tutti i vincitori dei Golden Globe
Steven Spielberg ai Golden Globe 2023 – Photo Credits Matt Winkelmeyer

Come si sa, i Golden Globe hanno attraversato due anni fa una crisi dovuta agli scandali di corruzione, che ne avevano seriamente compromesso la credibilità. La precedente edizione, infatti, ovvero quella del 2022, non è stata trasmessa in diretta ed inoltre si è svolta in privato, senza alcuna celebrità presente. Per quest’anno, però, sono stati modificati alcuni meccanismi nel sistema di voto – per poter “riabilitare” la reputazione dell’organizzazione e la cerimonia è tornata in onda, su un canale della rete televisiva NBC e sulla piattaforma di streaming Peacock.

Ma vediamo ora chi si è aggiudicato i prestigiosi premi, sia per il cinema che per la tv.

Cinema: “The Fabelmans” e “Gli spiriti dell’isola” i film più premiati

The Fabelmans, il film semi-autobiografico di Steven Spielberg – che si basa sull’adolescenza del regista e sui suoi primi anni dietro la macchina da presa – era candidato in cinque categorie e ne ha vinte due delle più importanti: quella per il Miglior film drammatico e quella per il Miglior regista.

Gli spiriti dell’isola giungeva ai Golden Globe come grande favorito. Il film, che narra la storia di due amici di lunga data che si allontanano bruscamente sullo sfondo degli ultimi anni della Guerra civile irlandese, era candidato in ben otto categorie (cosa che non accadeva dai tempi di Cold Mountain, nel 2004). Oltre ad essersi aggiudicato il premio per il Miglior film commedia o musical, ha vinto anche per la Migliore sceneggiatura, e Colin Farrell ha conquistato il premio per il Migliore attore protagonista in un film commedia o musical.

Everything Everywhere All at once, pellicola di fantascienza che ha come protagonista una famiglia cinese immigrata negli Stati Uniti, era candidato invece in sei categorie, ma a vincere sono stati solo gli attori Michelle YaohMigliore attrice protagonista in un film commedia o musical – e Ke Huy QuanMigliore attore non protagonista – che vestono i panni, rispettivamente, della madre e del padre.

Serie TV: i premi più importanti per “House of the Dragon” e “Abbott Elementary”

Per quanto riguarda le Serie Tv, i due premi principali sono stati vinti da House of the Dragon – il prequel di Game of Thrones che racconta la caduta di casa Targaryen più di centocinquant’anni prima della storia raccontata nella serie originale – e Abbott Elementary, una sit-com che in Italia è disponibile sulla piattaforma di streaming Disney+ e che sviscera i problemi delle scuole pubbliche statunitensi attraverso la storia di un gruppo di insegnanti.

The White Lotus, di HBO – la cui fortunatissima seconda stagione, ambientata in un resort di lusso in Sicilia, si è recentemente conclusa – ha vinto invece il premio di Miglior miniserie.

Tra gli attori premiati troviamo Kevin Costner, con il ruolo di John Dutton, patriarca della serie western Yellowstone; Zendaya per il ruolo di Rue, l’adolescente con problemi di dipendenza da sostanze nella serie drammatica targata HBO, Euphoria. Poi ancora, Jeremy Allen White, protagonista di una delle serie più acclamate dell’ultimo anno, ossia The Bear, ed infine Quinta Brunson, che interpreta una delle professoresse della già citata Abbott Elementary.

Tutti i vincitori dei Golden Globe 2023

Film

  • Miglior film drammatico: The Fabelmans
  • Miglior film commedia o musical: Gli spiriti dell’isola
  • Miglior regista: Steven Spielberg, The Fabelmans
  • Miglior attore in un film drammatico: Austin Butler, Elvis
  • Miglior attrice in un film drammatico: Cate Blanchett, Tár
  • Miglior attore in un film commedia o musica: Colin Farrell, Gli spiriti dell’isola
  • Miglior attrice in un film commedia o musical: Michelle Yeoh, Everything Everywhere All at Once
  • Miglior attore non protagonista: Jonathan Ke Quan, Everything Everywhere All at Once
  • Miglior attrice non protagonista: Angela Bassett, Black Panther: Wakanda Forever
  • Miglior sceneggiatura: Martin McDonagh, Gli spiriti dell’isola
  • Miglior colonna sonora: Justin Hurwitz, Babylon
  • Miglior canzone originale: “Naatu Naatu”, RRR
  • Miglior film d’animazione: Pinocchio, Guillermo del Toro
  • Miglior film in lingua straniera: Argentina, 1985

Serie Tv

  • Miglior serie drammatica: House of the dragon
  • Miglior serie comica: Abbott Elementary
  • Miglior miniserie: The White Lotus
  • Miglior attore in una serie drammatica: Kevin Costner, Yellowstone
  • Miglior attrice in una serie drammatica: Zendaya, Euphoria
  • Miglior attore in una serie comica: Jeremy Allen White, The Bear
  • Miglior attrice in una serie comica: Quinta Brunson, Abbott Elementary
  • Miglior attore in una miniserie: Evan Peters, Dahmer
  • Miglior attrice in una miniserie: Amanda Seyfried, The dropout
  • Migliore attore non protagonista in una serie, miniserie o film televisivo: Paul Walter Hauser, Black Bird
  • Migliore attrice non protagonista in una serie, miniserie o film televisivo: Jennifer Coolidge, The White Lotus

I Golden Globe non sono, ad ogni modo, particolarmente indicativi per poter predire chi potrebbe vincere gli Oscar, che si terranno il 12 marzo, anche a causa dell’ampia differenza tra i votanti – che se agli Oscar sono migliaia, ai Golden Globe sono circa un centinaio. Si aggiunga a questo, il fatto che l’HFPA nel 2021 è stata coinvolta in una serie di inchieste del New York Times e del Los Angeles Times che avevano evidenziato diverse irregolarità e problemi all’interno, dando il via alla crisi di credibilità dei Golden Globe.

Per tentare di sistemare la situazione sono state apportate, come detto all’inizio dell’articolo, delle modifiche: l’organizzazione ha infatti aggiunto 21 nuovi membri della giuria provenienti in gran parte da gruppi storicamente sottorappresentati; ha inoltre esteso le votazioni a 103 ulteriori persone che non fanno parte dell’HFPA. Si è infine vietato ai propri membri di accettare regali dagli studi di produzione ed è stato aperto un numero verde per permettere alle persone di segnalare incidenti.

Serena Pala

Seguici su Google News

Back to top button