Cinema

Elena Sofia Ricci, conosciamo insieme la suora più amata d’Italia

Grandi occhi verdi e capelli castani: il suo nome è Elena Sofia Ricci. Ripercorriamo insieme le tappe fondamentali della carriera televisiva e cinematografica dell’attrice, svelando anche alcune curiosità della sua vita privata. 

Elena Sofia Ricci, conosciamo insieme la suora più amata d’Italia
Elena Sofia Ricci- foto dal web

Elena Sofia Ricci, la carriera

Una carriera ricchissima, che ha visto l’esordio a teatro per passare poi nelle sale cinematografiche. Citiamo solo alcuni dei film che la vedono protagonista: Ne parliamo lunedì (1990), Ma non per sempre (1991), Commedia sexy (2001), Un papà quasi perfetto (2003), Agata e Ulisse (2011) e Loro (2018). La incontriamo, poi, in serie televisive famose come I Cesaroni (2006-2012), Che Dio ci aiuti (dal 2011), Romeo e Giulietta (2014) e Don Matteo (2020).

Elena Sofia Ricci nei panni di Suor Angela, nella serie Che Dio ci aiuti-foto dal web
Elena Sofia Ricci- foto dal web

Qualche curiosità su di lei

Elena Sofia Ricci ha vinto tre David di Donatello, tre Nastri d’Argento, un Globo d’Oro, un Grolla d’Oro, un Premio Rodolfo Valentino, un Premio Alberto Sordi, due Telegatti e ha ricevuto molti altri riconoscimenti ancora.

Già da piccola amava esibirsi. Inizialmente organizzava spettacoli di danza con i suoi cugini e la nonna fu la prima a capire che il palcoscenico sarebbe diventato il suo futuro. Oggi è fiera di chi è e di cosa fa. Recitare è la sua vera passione.

Elena Sofia Ricci ha due papà. All’età di trent’anni ricerca il padre biologico Paolo Barucchieri. Da questo incontro, il ricongiungimento anche con i fratelli mai conosciuti. Eppure la donna è soddisfatta dei suoi due papà, del loro affetto e li ricorda entrambi con molta emozione. 

Sono dell’idea che più persone ci sono e più amore c’è. Anche Gesù aveva due padri, Dio e Giuseppe. Se ci sono persone che ti vogliono bene, è un amore che aumenta. Per me avere due padri è solo un arricchimento. Ho perdonato mio padre naturale e la fede mi ha aiutato a farlo. 

Elena Sofia Ricci è molto credente e il suo incontro con Dio è avvenuto proprio durante la registrazione della serie Che Dio ci aiuti, in cui rivestiva i panni della suora più amata di Italia, suor Angela. Da quel giorno, la fede è per lei un valore irrinunciabile. 

L’attrice si è sposata due volte. Il matrimonio con Luca Damiani si è interrotto a causa dei numerosi tradimenti dell’uomo con l’amica fidata di Elena, Nancy Brilli

Veniva a fare l’amica e ascoltava le mie pene d’amore, parlandomi di un misterioso fidanzato che solo dopo ho scoperto essere il mio ex marito Luca Damiani.

L’attuale marito Stefano Mainetti è un compositore e direttore di orchestra. I due sono sposati dal 2003 e, nonostante i consueti litigi di coppia, si amano come il primo giorno. 

Sono veramente innamorata di lui e della persona per bene che è e dell’amore che lui ha saputo dare a me e ad Emma che non è sua figlia, ma era importantissimo che lui amasse Emma anche più di me.

Elena Sofia Ricci e l'attuale marito Stefano Mainetti- foto dal web
Elena Sofia Ricci e Stefano Mainetti- foto dal web

Elena Sofia Ricci ha due figlie. Emma, 24 anni, è nata dalla storia con Pino Quartullo, mentre Maria, 16 anni, dal suo secondo matrimonio. L’attrice possiede anche un account Instagram dove conta gli oltre 300K followers, in cui posta foto delle e con le sue figlie. Il loro rapporto è meraviglioso. D’altronde come si dice? La mamma è sempre la mamma. Emma ha oggi deciso di intraprendere la stessa carriera di Elena Sofia, diventando anche lei attrice. 

La donna non si è mai sottoposta a chirurgia estetica, affermando più volte di piacersi al naturale. Ma nella vita, mai dire mai. Ad esempio, è sempre stata contraria al concepimento oltre i 40 anni, eppure alla nascita della sua seconda figlia, di anni ne contava 43. 

Nonostante l’attrice abbia sofferto in giovane età di dipendenza da alcool e sigarette, oggi si tiene in forma adottando uno stile di vita sano ed energico.

Seguici anche su Metropolitan Magazine e sula pagina Facebook Il Cinema di Metropolitan

Back to top button