Attualità

Elon Musk ha sospeso temporaneamente l’acquisizione di Twitter

L’annuncio è arrivato direttamente del capo di Tesla e SpaceX, Elon Musk. La motivazione della sospensione, al momento solo temporanea, è stata decisa in attesa che si certifichi il numero effettivo di account falsi sulla piattaforma. Nel frattempo le azioni di Twitter cedono l’11% in apertura delle contrattazioni a Wall Street, mentre quelle di Tesla sono in rialzo del 5%. 

Elon Musk: Frenata nell’acquisizione di Twitter

“L’accordo con Twitter è temporaneamente sospeso”.

Scrive Elon Musk su Twitter. La sospensione è stata decisa in attesa di una conferma che gli account falsi presenti sulla piattaforma siano effettivamente meno del 5%, come dichiarato dalla società. Nel frattempo le azioni di Twitter crollano in borsa.

Elon Musk si è assicurato il 100% delle azioni di Twitter per 44 miliardi lo scorso 25 aprile. Una cifra mai pagata prima per un social network, 54,2 dollari per azione.

Non è chiaro cosa succederà ora, se la sospensione rimarrà temporanea o se l’acquisto di Twitter rischia di essere cancellato definitivamente. In un tweet successivo, Musk ha scritto:

“Sono ancora deciso ad acquisire Twitter!”.

Secondo gli accordi presi con il consiglio di amministrazione dell’azienda, se Musk decidesse di ritirarsi dall’affare dovrebbe pagare una penale da un miliardo di dollari.

Elon Musk-Twitter, salta tutto? Qualcosa era già nell’aria

Delle difficoltà nell’operazione d’acquisto di Twitter si parlava già da diversi giorni. Vari giornali statunitensi avevano ipotizzato che Musk stesse ripensando all’offerta fatta ad aprile, coperta per buona parte da una serie di prestiti di banche e investitori. Ora molti analisti la giudicano non più sostenibile a causa della difficile situazione dei mercati finanziari mondiali. Basti pensare che nelle ultime settimane il titolo di Twitter è calato di 9 miliardi di dollari rispetto alla somma offerta da Musk, rendendo l’offerta molto alta per le attuali condizioni di mercato.

Vedremo come evolverà la vicenda.

Matteo Salvatore

Back to top button