Cinema

Emma Thompson: nudo integrale sul grande schermo all’età di 62 anni

L’attrice britannica Emma Thompson racconta le difficoltà avute nel recitare in un nudo integrale ad oltre 60 anni, nel nuovo film Good Luck to you.

Emma Thompson nuda a 62 anni nel suo nuovo film.

Emma Thompson interpreta per la prima volta delle scene di nudo integrale all’età di 52 anni. Presentato in anteprima mondiale al Sundance Film Festival Good Luck to you, Leo Grande, è film diretto da Sophie Hyde, racconta la storia di Nancy Stokes (Emma Thompson), una vedova di 55 anni che, giunta a questo punto della sua vita senza un marito, ma ancora giovane affascinante, non desidera altro che una cosa: connessione umana. La donna è alla ricerca di un’avventura, di qualcuno che possa travolgerla e con cui fare dell’ottimo sesso.

L’attrice, 5 volte candidata all’Oscar e 2 volte vincitrice, ha parlato al sito The Wrap della difficoltà che ha incontrato sul set, ammettendo: “È stata una sfida. […] L’età che ho lo rende estremamente impegnativo perché non siamo abituati a vedere corpi non trattati sullo schermo”. Nel film la l’attrice britannica interpreta il ruolo di una vedova che assume un giovane escort, perché la aiuti a scoprire la passione che non aveva mai provato durante il matrimonio. E in una scena, la vedremo far cadere l’accappatoio davanti a uno specchio, rivelando così la sua nudità totale.

Contraria alla chirurgia estetica pone questa scena come una delle più difficile della sua carriera

“Non credo che avrei potuto farlo prima dell’età che ho. Uno dei grandi trionfi del film è che presenta un corpo non perfetto. È molto difficile stare nudi a 62 anni e in questo caso la mia età è stata un fattore sia positivo sia negativo”. L’attrice è sempre stata contraria alla chirurgia plastica sul suo corpo. “Non capisco proprio perché si debba fare una cosa del genere a se stessi. Onestamente penso che tagliarsi qua e là per non dare l’impressione di fare quello che si sta effettivamente facendo, ovvero invecchiare, che è una cosa del tutto naturale, sia una forma di psicosi collettiva. Credo davvero che sia una cosa molto strana da fare”.

Esattamente come è accaduto a Bradley Cooper con il suo nudo integrale nel nuovo film La Fiera delle illusioni, dichiarazioni che si sono rivelate false ed a puro scopo di marketing, anche la Thompson definisce questa scena come “forse uno dei momenti di recitazione più difficili della mia carriera. Dovermi guardare allo specchio con serenità senza un sentimento di giudizio o desiderio di cambiare, è qualcosa che nella vita non mi è capitato. Questo dice molto della mia storia di donna e dei confronti con immagini impossibili che tutte noi subiamo. E’ la tragedia intorno al corpo femminile che dobbiamo assolutamente interrompere”.

Enrica Nardecchia.

Twitter https://twitter.com/MMagazineItalia
Instagram : https://www.instagram.com/metropolitanmagazineit
Facebook: https://www.facebook.com/metropolitanmagazineitalia/

Back to top button