Calcio

L’Europeo slitta al 2021: è ufficiale

La UEFA ha ufficialmente rinviato l’Europeo itinerante che avrebbe dovuto svolgersi nell’estate del 2020. Quindi tra pochi mesi. L’emergenza portata dal Coronavirus, la malattia virale arrivata dalla Cina, si è diffusa in tutta il mondo creando apprensione, contagi e morti. Tantissimi campionati hanno bloccato le attività alzando bandiera bianca. Tantissimi addetti ai lavori (tra staff e calciatori) si stanno scoprendo positivi al temibile Covid-19. La UEFA, dopo la prima conference call, ha preso la decisione: la rassegna continentale dedicata alle Nazionali si disputerà nel 2021.

L’UEFA posticipa Euro 2020: ora è ufficiale

Nel primo pomeriggio, dopo le pressioni di questi giorni e i numerosi rumors, è arrivata anche l’ufficialità: gli Europei sono posticipati di un anno, e si disputeranno a partire dal mese di giugno 2021. Una decisione che era nell’aria, e per certi versi inevitabile vista la diffusione sempre più preoccupante, in Europa così come in tutto il mondo, della pandemia Covid-19. Una situazione di emergenza assoluta, che aveva provocato anche la sospensione delle due competizioni europee più importanti a livello di club: Champions League ed Europa League. Ora, arriva lo stop anche per gli Europei. Ecco il tweet del profilo ufficiale dell’UEFA:

L’Europeo lascia campo libero ai campionati

Priorità alla conclusione dei vari campionati europei interrotti per la diffusione del Coronavirus. Lo stop obbligherà tutte le leghe a giocare fino in estate, periodo deputato precedentemente per disputare l’Europeo 2020. Priorità, quindi, a Serie A, Bundesliga, Liga, Premier, Ligue 1 e a tutte le altre competizioni nazionali. Ma quando si disputerà il torneo della UEFA? La prossima estate. I club, infatti, si sono imposti su Infantino per non farlo giocare durante l’inverno.

Il Coronavirus ha fortemente influenzato la stagione sportiva in corso ma tutti, passata la minaccia virale, non vedono l’ora di tornare a calcare il rettangolo verde di gioco. Nel segno della normalità.

Seguici su Metropolitan Magazine

Back to top button