CalcioSport

Fiorentina Juventus una rivalità storica

La Juventus può già festeggiare il primo obiettivo stagionale, il passaggio del turno agli ottavi di Champions League. La vittoria ottenuta per un goal a zero, contro il Valencia, grazie alla rete di Mario Mandzukic, propiziata da un assist capolavoro di Cristiano, spedisce la Juventus tra le prime sedici squadre d’europa con un turno di anticipo.Ma non c’è tempo di rilassarsi, in quanto già Sabato si torna in campo per la Serie A, in una partita che per storia e tradizione è tutt’altro che scontata a Firenze contro la Viola. La Fiorentina si trova al 10 posto, con 18 punti conquistati nelle prime 13 giornate, già a meno 19 dalla Vecchia Signora che guida la classifica. Ma come abbiamo già detto Fiorentina-Juventus non è una sfida come le altre.

Federico Chiesa e Benatia Credit: Eurosport.com

La rivalità tra le tifoserie è delle più sentite. Dalle sfide scudetto degli anni 80, al trasferimento di Baggio dalla Fiorentina alla Juventus, i rapporti sono sempre stati tesi, tanto che la il tifo organizzato viola è gemellato con quello granata del Torino, altri acerrimi rivali dei bianconeri.  Nonostante la Fiorentina negli ultimi anni non abbia particolarmente brillato questa sfida è sempre stata molto combattuta. Due anni fa l’ultimo successo viola con il risultato di due a uno grazie alle reti di Kalinic e Badeij. Lo scorso anno invece furono i bianconeri ad avere la meglio, merito di una punizione di un ex tanto chiacchierato, Federico Bernardeschi. Cresciuto nella viola in cui ha fatto tutta la trafila delle giovanili, Bernardeschi si è trasferito sotto la mole nella scorsa estate, è quest’anno prima dell’infortunio si era guadagnato il posto di titolare dell’attacco bianconero al fianco di Cristiano Ronaldo.

Bernardeschi con la maglia bianconera Credit : Juvelive.it

Oggi finalmente il giovane di Carrara ha svolto tutta la seduta di allenamento con la squadra e punta nel mirino proprio la gara di Sabato con la viola, che per lui, più di qualunque altro non può essere una sfida come tutte le altre. Per la gara il pubblico toscano si sta già mobilitando con più di 35 mila biglietti già venduti. 

Luca Pradella.

Back to top button