Gerry Scotti racconta un periodo buio della sua vita

Gerry Scotti intervistato dal settimanale Chi ha confessato di essere stato vittima dei pregiudizi della gente, in particolare dei pregiudizi dei suoi professori per via del lavoro del padre:

“Al liceo mi discriminavano perché mio padre faceva l’operaio”.

Un passato difficile che però, non ha mai influenzato il comportamento di Gerry che infatti dichiara:

“questo mi ha aiutato a diventare quello che sono”.

Nella sua lunga esperienza televisiva, Scotti ha potuto conoscere Maria De Filippi e su di lei, il conduttore televisivo non può che spendere belle parole:

“Maria si diverte quando faccio il cialtrone, è attratta dalla mia curiosità. E’ molto brava a lavorare con i sentimenti, infatti con lei piango spesso…”

Gerry Scotti e Maria De Filippi. (Photo Credits Instagram)

Gerry Scotti ha poi espresso una sua opinione sui reality non certo positiva, infatti si dice dispiaciuto che da questi programmi non sia mai uscito nessun conduttore paragonabile a Bonolis o Conti. Insomma, secondo Scotti, questi nuovi personaggi che vengono identificati come conduttori, non sarebbero in grado di condurre un programma perché “sono nati solamente come volti, tirati fuori dal ruolo di ospiti”.

Sandra Barone

© RIPRODUZIONE RISERVATA