Attualità

Gilead: il remdesivir potrebbe funzionare e vola in borsa!

Qualche mese fa, questo farmaco ha fatto parlare di se per la sua possibile funzionalità contro il coronavirus. Il remdesivir è nato come antivirale durante l’epidemia di ebola in Africa occidentale negli anni 2013-16 da una collaborazione tra Gilead, il Medical Research Institute of Infectious Diseases delle forze armate Usa e i Centers for Disease Control and Prevention americani.

Il remdesivir funziona

Funziona inceppando l’ingranaggio molecolare che alcuni virus usano per costruire i loro geni quando si replicano all’interno della cellula nella quale si sono introdotti. I trial clinici contro il virus dell’ebola nei paesi dell’Africa occidentale e poi nella Repubblica Democratica del Congo hanno dato risultati promettenti, ma quelle epidemie si sono esaurite prima che il remdesivir fosse testato a sufficienza per ricevere il via libera dei regolatori e a oggi il suo uso non è ammesso in nessun Paese al mondo.

I farmacologi che all’inizio della pandemia di coronavirus hanno preso in esame la possibile efficacia dei farmaci esistenti si sono subito interessati al remdesivir, perchè il nuovo virus condivide con quello dell’ebola alcuni tratti, come il fatto di essere composti di un singolo filamento di Rna. Da gennaio il farmaco è stato testato su pazienti affetti da Covid-19, a cominciare dalla Cina, ma nessun test ha fornito prove inequivocabili di efficacia.

Gilead e l’ospedale hanno invitato alla cautela. “Informazioni relative a un forum interno per ricercatori relative a una ricerca in corso sono state diffuse senza autorizzazione” ha detto l’Università di Chicago. “Trarre conclusioni in questa fase è prematuro e scientificamente inappropriato”.

Risultati validi sul piano statistico potrebbero invece provenire dagli studi randomizzati su larga scala che Gilead sta conducendo in tutto il mondo. In questo tipo di studi i pazienti sono divisi a caso in due gruppi: a uno viene somministrato remdesivir, all’altro un placebo. Nè i pazienti nè i medici partecipanti sanno cosa venga somministrato all’uno e all’altro gruppo. Ma anche se il farmaco darà risultati positivi nei trial clinici, non è chiaro se Gilead potrà far fronte all’enorme domanda di remdesivir che ne nascerebbe

Il farmaco ha fatto il boom in borsa

Di tutti i farmaci in fase di test nella lotta contro il coronavirus, il remdesivir fin dall’inizio ha dato le maggiori speranze. La notte scorsa sono filtrati i risultati di un trial clinico sull’antivirale a Chicago che hanno fatto impennare del 14% nel dopo mercato Usa le azioni del suo produttore, Gilead Sciences, e a catena hanno messo il turbo alle borse asiatiche, europee e nel pomeriggio di nuovo a Wall Street.

Back to top button