Giovanni Allevi, nato ad Ascoli Piceno il 9 aprile, supera di un anno il mezzo secolo e spegne oggi 51 candele. È compositore, direttore d’orchestra, pianista. Si distingue per il suo stile fondato sulle forme della tradizione classica infuse dei suoni del presente.

Tra il 1990 e il 2001 consegue due diplomi al Conservatorio: uno in pianoforte al conservatorio F. Morlacchi di Perugia e uno in composizione al conservatorio Giuseppe Verdi di Milano. Nel 1998 si laurea in Filosofia con 110/110 e lode all’Università degli Studi di Macerata, con la tesi dal titolo “Il vuoto nella Fisica contemporanea”.

Giovanni Allevi: dalle collaborazioni al cinema passando per la visita al Papa

Diventa noto al grande pubblico grazie a Jovanotti e al suo bassista Saturnino Celani. Quest’ultimo, amico di infanzia di Giovanni Allevi, lo invita a Milano per raccogliere in un CD la propria produzione pianistica per l’etichetta Soleluna che insieme alla Universal Italia, pubblica nel 1997 il primo album di Allevi per pianoforte solo, dal titolo 13 Dita.

In seguito Allevi apre, da solo al pianoforte, i concerti di Jovanotti durante il tour L’Albero in cui esegue alcuni brani di 13 Dita.

Giovanni Allevi

Nel 1998 realizza la colonna sonora del cortometraggio Venceremos di Giovanni Stefano Ghidini e Sergio Pappalettera, anch’essi collaboratori di Jovanotti, presentato al Sundance Film Festival negli Stati Uniti.

Nel 2002, inoltre, partecipa alla realizzazione dell’album di Jovanotti, Lorenzo 2002 Il Quinto mondo, in qualità di coautore di alcuni brani e suonando il pianoforte e le tastiere. Allevi parteciperà anche al tour.

Sempre con Soleluna/Edel pubblica nel 2003 il suo secondo album per pianoforte solista dal titolo Composizioni. Dal giugno 2004 Giovanni Allevi inizia un tour internazionale dal palco dell’HKAPA Concert Hall di Hong Kong.

Con Bollettino/BMG Ricordi, pubblica a maggio 2005 il suo terzo album per pianoforte solo dal titolo No concept che venne presentato anche in Cina e a New York ed ebbe anche successo in Germania e Corea. Il brano Come sei veramente, tratto da questo album, venne scelto dal regista Spike Lee come colonna sonora per uno spot pubblicitario della BMW.

Nel 2006 esce il suo quarto album, sempre per pianoforte solista, dal titolo Joy che vince il disco d’oro nel 2007.

Allevi affianca, come ospite, Luciano Ligabue, in molte date del suo tour acustico nei teatri. Inoltre sempre nel 2007 accompagna al pianoforte Simone Cristicchi nel brano Lettera da Volterra presente nell’album Dall’altra parte del cancello. Nello stesso anno, il suo brano Back to life viene scelto come colonna sonora per lo spot della nuova Fiat 500.

Giovanni Allevi ha scritto l’Inno alle Marche, presentato a settembre 2007 in occasione della visita di Papa Benedetto XVI a Loreto all’Incontro nazionale dei giovani. Nello stesso anno pubblica Allevilive, doppio CD contenente 26 brani tratti dai suoi 4 dischi precedenti più il brano inedito Aria. Va in tour con l’ensemble da camera dei Philharmonische Camerata Berlin.

Nel 2008 esce il suo quinto album, per pianoforte e orchestra, dal titolo Evolution, il primo in cui Allevi è accompagnato da un’orchestra sinfonica.


Nel 2009 suona il pianoforte nell’ultimo disco di Claudio Baglioni nella canzone Fiumicino. Il 28 settembre 2010 esce il suo sesto album dal titolo Alien, seguito poi dall’Alien Tour 2011 e Il 30 ottobre 2012 viene pubblicato Sunrise.

Nel 2015 compone Generosa, l’inno della serie A su commissione di Maurizio Beretta Presidente della Lega Serie A. Il brano è composto per orchestra e coro a quattro voci miste. Un ritmo contemporaneo su musica rinascimentale. Il testo scritto in latino e in inglese si richiama ai valori della gloria sportiva.

A dicembre 2019 è uscito su Spotify il suo featuring con il producer e dj milanese Kharfi. Il titolo è The Answer of love e si tratta di un brano sperimentale in cui il coro polifonico incontra la dance.

© RIPRODUZIONE RISERVATA