Formula 1MotoriSport

Gp di Spagna, “the Hammer” è tornato

Anche questo quinto appuntamento con la Formula 1 è stato pieno di emozioni, colpi di scena e il podio è stato in sospeso e mai chiaro fino al taglio del traguardo dei primi tre.

Lewis Hamilton sulla sua Mercedes conquista la sua seconda vittoria stagionale (dopo quella del GP di Baku) e sale sul gradino più alto del podio in Spagna per la terza volta nella sua carriera, facendo registrare anche il giro più veloce.

E’ Lewis Hamilton, “the Hammer” il vincitore del Gran Premio di Spagna valido per il mondiale di F1 del 2018, seguito dal suo compagno di squadra Valterri Bottas con un distacco di 20.593s e chiude il podio, il pilota della RedBull Max Verstappen, dopo le critiche ricevute dopo il GP dell’Azerbaijan per il contatto e il ritiro insieme al suo compagno di squadra Ricciardo.

Sintesi del Gran Premio…

Si spengono i semafori e parte il Gran Premio di Spagna, con molte incognite tra le quali il rischio di precipitazioni che ha accompagnato tutti i team e i piloti fino alla fine della gara.

Alla partenza dopo solo qualche curva il pilota della Haas, Romain Grosjean va in testa coda ma a suo rischio e pericolo (anche per gli altri piloti), poggia il piede sul pedale dell’acceleratore per rientrare in pista nella speranza di girare a 360° ma prende in pieno la Renault di Nico Hulkengber e la Toro Rosso di Pierre Gasly, situazione? tutti e 3 i piloti ritirati, incidente che verrà analizzato dopo la fine della gara ed entrata della Safety Car che ribalta la situazione fin da subito.

Giro 7: La Safety Car è appena rientrata, le monoposto sono libere di andare, Hamilton riesce a mantenere il distacco su Vettel e scappa, Magnussen sulla Haas rimasta ancora in gara supera Sainz sulla Renault superstite  e si ritrova in settima posizione dietro le due RedBull. Alonso si porta in P10 alle spalla di Charles Leclerc sulla Sauber che è in nona posizione.

Giro 18: Prima sosta per la Ferrari che richiama Vettel che monta le MEDIUM (banda bianca), ma i meccanici perdono tempo e la rossa rientra in settima posizione, alle spalle della Haas di Magnussen. In questo momento la Mercedes avvisa Bottas per radio di dover spingere.

Giro 25: Kimi Raikkonen tramite team radio avvisa che non ha potenza a sufficienza e gli ordinano di fermare la monoposto. Una volta al traguardo rientra in pitlane e non ne uscirà più.

Giro 26: Prende vita un bellissimo duello a centro gara, tra Ericsson e Sainz con il pilota Sauber che si difende benissimo e tra Leclerc e Alonso che cerca di superarlo ma non riesce a causa del “motore”.

Giro 33: Prima sosta per la Red Bull di Ricciardo che esce alle spalle di Vettel in quinta fila e al momento la situazione dice che: Hamilton è primo seguito da Bottas e Verstappen, Vettel solo quarto.

Giro 34: Sosta anche per Verstappen e a questo punto tutti i piloti hanno effettuato almeno un pit stop.

Giro 40: Bandiera gialla esposta e successivamente trasformata in Virtual Safety Car, dopo che la Force India di Ocon non ha più potenza.

Giro 42:  La Ferrari richiama la Ferrari di Vettel ai box e rimonta le MEDIUM dopo un bleff dei meccanici Mercedes e rientra quarto alle spalle di Verstappen dopo una sosta lunga 5.6s.

Giro 43: La Force India è stata rimossa, bandiera verde esposta e ne approfitta il beniamino di casa Fernando Alonso che supera agilmente Charles Leclerc, alla “ripartenza” Verstappen ha un contatto con la Williams di Sirotkin e danneggia la sua ala anteriore.

Giro 47: La monoposto di Vandoorne si ferma dopo il traguardo a causa di un problema al motore.

Dopo ciò il pilota della Red Bull riesce a far staccare il detrito dalla sua ala sul rettilineo e ribilancia la sua monoposto, non avendo così più problemi, tutti quanti i piloti spingono e danno il meglio di se fino alla fine, ma la situazione davanti non cambierà più, così la gara la vince Lewis Hamilton seguito dal suo compagno di squadra Bottas- Regalando così la testa del mondiale alla Mercedes.

Le parole al termine della gara:

Lewis Hamilton: Non avrei fatto nulla senza questo team, ho sentito per la prima volta una sinergia con la mia macchina.

Valterri Bottas: Volevo puntare alla vittoria. Ho una macchina fantastica.

Max Verstappen: La macchina ha funzionato bene oggi. Abbiamo avuto fortuna con Kimi ritirato.

By Ruggiero Dambra [InstagramTwitter]

Back to top button