Gossip e Tv

Grande Fratello Vip, una concorrente canta “Faccetta nera” scatenando la bufera

La nuova concorrente del Grande Fratello Vip, Micol Incorvaia ha cantato “Faccetta nera” prima della diretta di giovedì sera. La sorella minore di Clizia Incorvaia rischia la squalifica.

Micol Incorvaia canta “Faccetta nera” al Grande Fratello Vip

Grande Fratello Vip Faccetta nera
Micol e Clizia Incorvaia

Da pochi giorni la Casa del programma condotto da Alfonso Signorini ha accolto Micol Incorvaia. L’influencer, sorella minore dell’ex concorrente Clizia, non ha perso tempo per far parlare di sé, purtroppo negativamente. Rea di aver inneggiato al Fascismo, la concorrente è già a rischio eliminazione. Il gesto che ha fatto indignare profondamente il pubblico social, che adesso reclama giustizia, è l’aver canticchiato la strofa introduttiva (Faccetta nera, bell’abissina…) di “Faccetta nera“. Il motivetto che è diventato, storicamente, il simbolo della propaganda fascista. Agli spettatori più attenti non è sfuggito questo particolare e immediatamente sono insorti sui social a suon di “cinguettii”, chiedendo un serio provvedimento.

«Chiediamo la squalifica per Micol Incorvaia che canta Faccetta Nera, un Inno al Fascismo. – scrive un utente – Un bruttissimo messaggio per milioni di Telespettatori. Ricordiamo che in Italia l’apologia al Fascismo è reato».

Effettivamente Micol Incorvaia, per l’atto commesso, è passibile di denuncia per apologia di Fascismo. Tra il pubblico che chi invece la giustifica, insultando implicitamente la sua intelligenza: «Che stron**te, Micol neanche conoscerà il significato». È una giustificazione che non regge molto, se consideriamo che il brano composto nel 1935 per celebrare la colonizzazione dell’Abissinia (attuale Etiopia) rappresenta, insieme a  Giovinezza, l’inno più famoso del ventennio fascista. Addirittura c’è chi sostiene che quella nella clip non sia la voce di Micol, bensì di Sarah Altobello o di Antonella Fiordelisi. Considerando i provvedimenti presi in passato dalla produzione quando proprio sua sorella Clizia, 2 anni fa aveva pronunciato una frase orribile sui pentiti di mafia, che le è valsa la squalifica (nonostante le scuse), ci si aspetta lo stesso trattamento per Micol, se non di più.

Rossella Di Gilio

Seguici su Google News

Back to top button