Rob Gronkowski, ex veterano dei New England Patriots, non esclude eventualmente un ritorno in NFL. Ma affinché questo possa concretizzarsi, per il tight end c’è bisogno che la lega prenda una decisione.

L’ex giocatore ha lasciato intendere che un suo ritorno si sarebbe potuto effettivamente concretizzare qualora l’NFL avesse permesso ai giocatori di utilizzare i prodotti a base di cannabidiolo (CBD), per favorire il recupero dagli infortuni.

Durante una conferenza stampa tenuta venerdì, ha dichiarato:

“Non voglio rischiare di essere multato o squalificato solo perché sto usando un prodotto che posso trovare dal mio farmacista di fiducia”.

La conferenza era quella di presentazione della  nuova partnership siglata tra la CBD Medic (azienda di cui Gronkowski è portavoce, ndr) e il Gillette Stadium.

“Non sono ancora convinto dei motivi per i quali tali prodotti sono vietati”.

Naturalmente, il CBD è una delle sostanze vietate dall’NFL, la quale difficilmente apporterà modifiche alla lista delle sostanze proibite senza una reale e comprovata motivazione.

Gronkowski, qualche mese fa, aveva annunciato l’inizio della partnership con CBD Medic, aggiungendo anche che lo aveva fatto principalmente perché gli infortuni gli causarono numerosi problemi psico-fisici durante la sua carriera da professionista.

Anche venerdì non ha perso occasione per ribadire questo concetto.
Ovvero, l’agonia (anche mentale) a cui i giocatori sono sottoposti in seguito a determinati infortuni.
Gronkowski resta fermamente convinto del fatto che l’uso di questi prodotti aiutino a gestire meglio e ad alleviare il dolore.

Pro Football Talk ha criticato le parole del tight end, affermando che quella di Gronkowski è solo una trovata pubblicitaria, definendo inoltre le sue considerazioni “insignificanti“.

Ami il football e vorresti iniziare a scrivere degli articoli? Il nostro team è in costante ricerca di appassionati che hanno voglia di mettersi in gioco. Contattaci subito sulla nostra pagina Facebook ed entra a far parte del team di Metropolitan!

Leggi anche: Michael Bennett non è più un giocatore dei Patriots

Foto in copertina:  Joe Robbins/Getty Images

© RIPRODUZIONE RISERVATA