Formula 1

Hamilton Yamaha: il retroscena dello swap con Valentino Rossi

Massimo Meregalli, team manager Yamaha, svela un curioso retroscena riguardo Lewis Hamilton. In occasione dello swap avvenuto a dicembre fra Hamilton e Rossi, il sei volte Campione del Mondo di Formula 1 è stato fermato dal team Yamaha poiché aveva voglia di scendere in pista in orari inopportuni.

Hamilton Yamaha – Voglia di scendere in pista

Il pilota inglese in occasione dei test aveva tanta voglia di provare la Yamaha M1 di Rossi, tanto che già alle nove di mattina era pronto per scendere in pista. Per questo motivo Massimo Meregalli ha dovuto fermare l’inglese, poiché era un rischio inutile per via delle difficili condizioni climatiche di Valencia in quei giorni.

“Lewis si è presentato in circuito prestissimo ed abbiamo dovuto fermarlo perché voleva salire in moto alle 9, ma faceva freddo. In seguito abbiamo dovuto cambiare tutti i programmi, perché Vale è arrivato un po’ in ritardo e in Mercedes volevano che Lewis scendesse in pista abbastanza presto, ma noi gli abbiamo detto che scendere in pista a Valencia a dicembre prima delle 11 non era il caso. Avendo perso quelle due ore, ha cercato di girare il più possibile. Sicuramente a lui piace tanto la moto“.Massimo Meregalli

Hamilton Yamaha
Lewis Hamilton e Valentino Rossi ai box a Valencia – Photo Credit: Twitter

Hamilton Yamaha – Talento indiscusso

Nonostante abbia avuto solo poche occasioni per scendere in pista in moto, Hamilton è sempre stato un appassionato di Moto GP e a dicembre ha dimostrato ancora una volta ancora il suo talento.

“Lewis è stato bravo. Era stato su una motocicletta solo otto volte prima di fare un salto in MotoGP, quindi in quel giorno non è andato male. Nonostante le pessime condizioni della pista gli abbiamo dato una moto nelle migliori condizioni con una mappa del motore da bagnato e con pneumatici che normalmente non usiamo, anche per regolamento. C’era ventoso e freddo, ma non si è fermato fino a quando non ha visto la bandiera a scacchi.Massimo Meregalli

SEGUICI SU:

Back to top button