Gossip e Tv

Hell Raton di X Factor: bravo e bello, ma è fidanzato?

Hell Raton è uno dei quattro giudici della nuova edizione di X Factor.  Non tutti conoscono il cantante Hell Raton, in questo articolo scopriamo insieme chi è, quanti anni ha e qual è stata la sua carriera prima di approdare tra i giudici di X Factor 2020. Hell Raton è un giovane discografico, classe 1990, da grande appassionato di musica ha fondato insieme a Salmo e Slait nel 2010 l’etichetta Machete Empire Records di cui è CEO e direttore creativo. Oltre ad essere un discografico Hell Raton, noto anche come Manuelito, riveste il ruolo di talent scout e manager.

Oltre all’attività in ambito musicale Hell è molto attivo anche su progetti benefici, questo l’ha portato molte volte a viaggiare in Africa. Tra le iniziative di maggiore rilievo si segnalano una maratona di 12 ore su Twitch rinominata la “Machete Aid on Twitch” che ha visto la partecipazione di più di 100 ospiti del mondo dello spettacolo e del gaming per supportare i lavoratori del settore musicale gravemente colpiti dalla crisi legata al Coronavirus.

Hell è nato nel 1990, sangue misto sardo-ecuadoriano. Il suo profilo Instagram ufficiale è @hell_raton, account verificato dal social network e riconoscibile grazie alla spunta blu. Il nuovo giudice di X Factor 2020 è molto attivo anche su altre piattaforme social tra cui Twitch, la piattaforma per gamer che vede Manuelito un punto di riferimento per la community italiana.

Hell Raton è fidanzato? In tante volete saperlo: la risposta purtroppo non la conosciamo! Il giovane classe ’90 è molto riservato sulla sua vita privata: il suo profilo Instagram è stato inaugurato con la nuova avventura ad X Factor, pertanto le foto pubblicate sono poche e tutte parlano di lavoro. Del suo privato sappiamo che prima di trasferirsi a Milano, dove vive oggi, ha vissuto qualche anno a Londra. In un’intervista al Corriere, ha rivelato di aver preso il suo primo volo intercontinentale, da solo, a 7 anni, dall’Ecuador all’Italia: “Su quell’aereo ho conosciuto una bimba sudamericana con genitori giapponesi. Ho capito non ero un supereroe ma che tante nuove generazioni avevano in loro culture miste“. Hell Raton ha raccontato di non esser sempre stato semplice vivere da italo-ecuadoriano: “In Ecuador mi chiamavano l’italiano, in Italia il sudamericano. Con la differenza che nel primo caso faceva figo, nell’altro no. I primi anni non me la sono vissuta bene: sono uno che ha imparato a darle prendendole. La diversità fa paura, specie in realtà di provincia. Ma mi è servito per crescere“.

Back to top button