Gossip e Tv

Il dolore di Cristiano Malgioglio: “Mio fratello e mia sorella sono morti e soffro ancora”

Molti di noi ricorderanno quando, circa tre anni fa, Cristiano Malgioglio scoppiò a piangere tra le braccia di Luca Onestini nella casa del Gf Vip. L’artista ebbe un vero e proprio crollo emotivo ripensando ai lutti dei suoi cari, compreso quello del fratello, scomparso solo l’anno prima. “Sto male – disse tra le lacrime – perché l’anno scorso ho perso mio fratello. Mi manca troppo ma cerco di non farlo capire. Ho accettato di fare il Gf perché volevo sentirmi forte, altrimenti non ci avrei mai messo piede qua dentro. Forse, però, mi ha fatto bene stare qua. Quando succedono queste cose…sono stato colpito da lutti terribili. Ne ho vissuti tre di fila. Quando succedono queste cavolate qua dentro mi ritrovo a pensare che sono litigate stupide. Qua dentro sto sopravvivendo, non ho mai pianto. Non vedo l’ora di uscire da qua. Ho portato a termine il mio compito. Volevo aiutare le persone che hanno questi nei a farsi controllare”.

Durante l’intervista qualche mese fa a Verissimo, Malgioglio ha parlato di due lutti che gli hanno lasciato un segno profondo: “Mia nipote, bellissima, è morta a 35 anni in un incidente automobilistico mentre tornava a casa dal mare. Io ero a Cuba. A mia sorella, la scomparsa della figlia l’ha fatta quasi diventare pazza, vedere mia sorella sempre triste è dura…sopportare la morte di un figlio è impossibile. […] Lo scorso anno ho perso mio fratello. L’altra mia sorella Francesca, invece, era sempre la prima a farmi gli auguri di compleanno. Lei era molto malata, volevo trascorrere il compleanno con lei a Napoli ed è morta proprio quel giorno. Quando viene a mancare qualcuno della famiglia è sempre difficile”.

Cristiano Malgioglio ha poi ricordato la perdita di sua sorella: “Lei è morta il giorno del mio compleanno. La prima a chiamarmi per farmi gli auguri era sempre mia sorella. Quel giorno mi aspettavo la sua chiamata, invece, mi è arrivata la notizia che era morta. Era molto malata”.

“Il sogno di mia madre era che io avessi un lavoro sicuro, che mi sposassi e avessi dei figli”. Questo, però, non è successo e Cristiano Malgioglio lo racconta con dispiacere. “Sono un uomo felice, allegro, spensierato. Magari sono fuori dalle righe ma perché forse sono troppo artista”. La madre se n’è andata improvvisamente e Cristiano ha versato moltissime lacrime: “Non smettevo mai di piangere” ha raccontato.

“Lei era il mio pilastro, la mia vita. Avevamo un legame troppo forte: lei intuiva delle cose anche nei miei silenzi”. Dopo la morte della mamma, per Cristiano sono stati anni terribili: è stato sotto cura per tre anni. “Non riuscivo più a scrivere, volevo curarmi senza medicine”. Grazie alla musica è guarito, ma ha iniziato a scrivere dopo 4 anni.

Un altro grandissimo dolore è stata la perdita della sorella Francesca: soffriva di artrite reumatoide.

Adv
Pulsante per tornare all'inizio