Attualità

In Italia un bambino su 77 presenta un disturbo dello spettro autistico

In Italia un bambino su 77 presenta un disturbo dello spettro autistico 

“I primi segnali di un disturbo dello spettro autistico si manifestano nella primissima infanzia – sottolinea Elisa Fazzi, presidente Sinpia e direttore della Neuropsichiatria dell’Infanzia Asst Spedali Civili e Università di Brescia – già intorno ai 18 mesi. Grazie ad una maggiore conoscenza del disturbo, oggi è possibile intercettare i segnali di rischio, giungendo ad una diagnosi entro i 2-3 anni di età”. Questo è anche merito di una rete diffusa di collaborazione tra i pediatri di libera scelta e i servizi di neuropsichiatria dell’infanzia e dell’adolescenza, sviluppata nell’ambito dell’Osservatorio Nazionale Autismo dell’Istituto Superiore di Sanità e che si è consolidata grazie ai progetti finanziati dal Fondo Nazionale Autismo. “E’ fondamentale, però, che gli interventi abilitativi siano basati sulle migliori e più recenti evidenze scientifiche – conclude Antonella Costantino, past president Sinpia – e soprattutto che siano personalizzati per ogni bambino e ogni famiglia”.

Spettro autustico, la situazione nel mondo

È giusto degli scorsi giorni la notizia di un nuovo aumento del numero di bambini americani con una diagnosi di autismo. A segnalarlo è uno studio dei Centers for Disease Control and Prevention, l’ultimo in una serie di aggiornamenti periodici che offre le stime ufficiali per il 2020. Nel 2000 si parlava di circa 1 bambino americano ogni 150 con una diagnosi di autismo. Nel 2016 la prevalenza era salita a 1 bambino su 54. Nel 2018 1 su 44. E per finire nel 2020, stando al nuovo rapporto dei Cdc, siamo arrivati a 1 su 36.

L’incidenza delle diagnosi è maggiore nei nati di sesso maschile: pari al 4% nei bambini e all’1% nelle bambine. E inferiore, per la prima volta, nei bambini con genitori di discendenza europea, rispetto a tutte le altre etnie presenti nel campione analizzato. I numeri americani sono ormai molto superiori a quelli riscontrati nel resto del mondo, nonostante il numero di persone con autismo sia comunque in aumento un po’ ovunque: in Europa, ad esempio, si stima una prevalenza pari a un bambino su 160 in Danimarca e Svezia1 su 86 nel Regno Unitoe di 1 su 77 nel nostro paese, mentre la media mondiale si attesta intorno a 1 su 100.

Adv
Pulsante per tornare all'inizio