Incidente a Roma: gravissimo diciassettenne

Incidente a Roma, una minicar si schianta frontalmente con una Mercedes

Incidente a Roma, ieri nei pressi di Via Due Ponti, su Via Flaminia Nuova. Sono le 18.30, quando una minicar Aixam guidata da un diciassettenne, si schianta frontalmente con una Mercedes con alla guida un uomo di 46 anni. I testimoni presenti capiscono immediatamente che la situazione è grave.

Nel violentissimo impatto il ragazzo si è ritrovato privo di sensi sull’asfalto a diversi metri di distanza dal luogo dello schianto.

La gente è accorsa subito, allertando il 118, che ha per primo rianimato il giovane per poi trasportarlo all’ospedale Gemelli in codice rosso.

Nulla di grave invece per il proprietario della Mercedes, che se l’è cavata con un codice verde. Sul luogo dell’incidente sono intervenuti gli agenti della polizia municipale del XV municipio di Roma Cassia.

Schianto frontale: tra le ipotesi emergerebbe un sorpasso azzardato

Tra le varie ipotesi al vaglio degli inquirenti, la più accreditata sarebbe quella di un sorpasso azzardato, in una strada tra l’altro stretta in alcuni punti con scarsa visibilità. Non è la prima volta infatti, che incidenti del genere accadano il quel preciso tratto di strada.

Adesso bisognerà ricostruire quanto accaduto, e questo sarà possibile grazie alle testimonianze dei presenti al momento dell’incidente ed ai rilievi che sta effettuando la polizia.

Intanto le condizioni del giovane ragazzo sono stabili, ma i medici non si sbilanciano e parlano ancora di prognosi riservata.

L’ennesimo incidente che vede ancora una volta la Capitale protagonista di una lunga black list in termini di viabilità e sicurezza. Si stima che siano circa 90 mila gli incidenti registrati negli ultimi tre anni.

Questa volta c’è di mezzo una minicar ed un giovane ragazzo che ha rischiato di perdere la vita. Il più delle volte sono motociclisti, ma sicuramente tutti hanno un comune fattore: l’eccesso di velocità.

Seguici su FB

Resta aggiornato con l’Attualità

© RIPRODUZIONE RISERVATA