Motori

Indycar: ad Indianapolis Power ottiene la 33° vittoria

Questa Indycar dalle gare non scontate sta regalando una stagione pazzesca. La prima vittoria di Power, il 2°podio di Wickens, la rimonta di Dixon e il -2 di Rossi da Newgarden in classifica generale sono solo alcune delle cose successe ad Indianapolis.

Partenza regolare di Power ma dietro un contatto Newgarden-Pagenaud ha coinvolto il pilota francese e Jordan King mentre alla chicane 5-6 Spencer Pigot ha tagliato la curva e la macchina ha preso il volo andando a collidere con Sato. Primo giro e prima caution che ha permesso a Takuma Sato, al compagno di squadra Graham Rahal e Pagenaud un rifornimento di carburante. 

Partenza e contatto Pagenaud-King

Durante i primi 12 giri, Power ha mantenuto un margine di circa un secondo su Wickens;i due erano a quattro secondi di vantaggio su Bourdais, che stava cercando di difendersi da Newgarden e Alexander Rossi. Dixon e Marco Andretti hanno pittato presto (al 13 ° giro) per andare sulla mescola alternativa, e le Penske di Helio Castroneves e Pagenaud hanno seguito la stessa strategia. Power e Wickens sono entrati ai box al 20 ° giro, praticamente insieme e sono ripartiti insieme, ma Power con le gomme prime e Wickens su un altro set di gomme a banda rossa, permettendo a Bourdais di stare davanti solo per un giro prima di pittare.

Nel frattempo, con le gomme nere, Power non era stato in grado di respingere Wickens, che al 26 ° giro aveva un vantaggio di 2,5 secondi, e Power stava combattendo contro Bourdais che era anche su gomme rosse. Dixon era risalito al sesto posto, davanti a Hinchcliffe e Hunter-Reay. Rossi, Dixon, Hinchcliffe e la seconda vettura Ganassi di Ed Jones hanno fatto la loro seconda sosta al 36° giro, con Newgarden e Castroneves facendo lo stesso paio di giri più tardi, Pagenaud dopo un giro. Davanti, il vantaggio di Wickens su Power si era stabilizzato intorno ai 5 secondi, quando il canadese ha iniziato a soffrire di sottosterzo mentre Power era un secondo davanti a Bourdais.

Wickens davanti a Power

Alla sosta il distacco era di 3,5 secondi, e Bourdais era sceso di 3,5 secondi rispetto al #12 Penske. A questo punto il leader era Rahal che fermandosi al 46°giro ha lasciato la leadership e Wickens con un vantaggio di soli 1.7s. Nel frattempo Newgarden stava guadagnando su Bourdais per il terzo posto, mentre Dixon e Rossi erano vicini al leader del campionato. Alla fine del giro 51, Power ha provato una mossa all’esterno alla curva 1,e Wickens ha dovuto lasciare la leadership. 

Quattro giri più tardi Newgarden ha tentato di passare Bourdais alla curva 12 ma ha tagliato il cordolo alto, si è girato e ha innescato una caution. Tutti hanno colto l’occasione per pittare Ganassi  ha fatto un ottimo lavoro per mandare Dixon davanti a Bourdais, Rossi, Castroneves, Hinchcliffe, Rahal, Pagenaud e Jones.

Scott Dixon in pit-lane

Una ripartenza pulita al 62 ° giro ha lasciato i piloti nello stesso ordine;al 63 ° giro, Rossi ha superato Bourdais sul rettilineo, e all’inizio del giro 64, Dixon ha passato Wickens per secondo posto. Newgarden ha passato Hunter-Reay e Andretti in una manovra al 71 ° entrando in top 12.

Il vantaggio di Power su Dixon era ancora poco più di 1 secondo, ma quando la pioggia ha iniziato a cadere negli ultimi 10 giri, Power ha guadagnato un decimo o due al giro e ha chiuso a 2,5 secondi.

Helio Castroneves

Castroneves ha ottenuto il sesto posto davanti a Hinchcliffe, mentre Pagenaud ha superato Rahal nella fase conclusiva per portarsi in ottava posizione. A chiudere la top ten la seconda vettura RLLR di Sato.

Power conquista così la sua 33°vittoria in carriera, la 3°in 4 anni ad Indianapolis e la 200°del team di Roger Penske. Wickens conquista il suo secondo podio in Indycar alla 5°gara e Rossi si porta a meno 2 da Newgarden. E tra due settimane c’è la 500miglia….

Classifica

Ulteriori informazioni: https://www.indycar.com/ 

 

Back to top button