Cronaca

Feste delle influencer: scandalo o difesa dalla crisi covid degli hotel?

Qualcosa che potrebbe far gridare allo scalo oppure è solo un modo per resistere alla crisi? È la nuova idea delle feste in albergo organizzate da famose influencer con pochi invitati prenotando una camera d’albergo. Ecco come gli hotel milanesi resistono alla crisi Covid

Feste delle influecer, la beffa alle restrizioni

Festa in un albergo di lusso con vista sulla Madonnina. Ecco come la nota influencer Elisa De Panicis ha festeggiato il suo ventottesimo compleanno con pochi invitati. È la nuova formula anti restrizioni quella delle feste con prenotazione in camera in albergo. Una festa che ha permesso di aggirare le restrizioni visto che i ristoranti negli hotel possono restare aperti. D’altronde gli albergatori dovranno fare i conti con un Capodanno in cui sarà vietato proprio tutto all’insegna della sobrietà. Quindi per loro ben venga la nuova formula milanese dello Staycation che prevede il pernottamento e cena utilizzata dai residenti come vacanza.

Tutta via queste feste vip in un momento di sobrietà non potevano non lasciare qualche strascico critico. “Abbiamo rispettato le regole: eravamo in otto su due tavoli separati, all’ultimo si è aggiunto qualcuno. Avevamo fatto tutti il tampone per il Covid, ci spiace se abbiamo passato un messaggio sbagliato”. Così si è difesa Mila Suarez, influenzer e amica della De Panicis parlando della festa al ristorante The Roof all’ultimo piano dell’Hotel The Square. In totale gli invitati erano 31 in tutto.

Le influencer festeggiano compleanni a Milano in barba al covid
L’hotel Bulgari dove si è svolta una delle feste incriminate, fonte booking.com

La difesa degli albergatotori

La categoria degli albergatori è in ginocchio, cerchiamo soltanto di sopravvivere nel rispetto delle regole. Sappiamo solo all’ultimo minuto se i clienti si conoscono tra loro. Quando ci dicono che al tavolo vogliono stare insieme, facciamo affidamento anche sul loro senso di responsabilità: fino a quattro persone siamo autorizzati dalla legge a farle sedere”. Queste le parole con cui si è giustificato Roberto Bernanrdelli, il titolare dell’hotel The Square. “È aperto solo un albergo su cinque e tutti cercano di rispettare rigorosamente le regole”, fa sapere il presidente dell’associazione di categoria di Confcommercio Maurizio Naro.

Quella al The Roof non è la sola festa antidivieti realizzata da una nota influencer. Per il costo di 720 euro a testa, altre due famose influencer, Chiara Biasi e Gilda Ambrosio, hanno festeggiato con qualche amico il loro compleanno all’Hotel Bulgari. Anche in questo caso il direttore dell’albergo Vincenzo Falcone ha giustificato l’accaduto affermando che nel suo hotel sono occupate solo 5 stanze su 58.

Stefano Delle Cave

Stefano Delle Cave

Stefano Delle Cave è scrittore, giornalista pubblicista e regista. Laureato magistrale in D.A.M.S. all’Università di Roma Tre. Gli articoli redatti da Stefano giornalista hanno per tema il cinema, la cultura e la società civile in genere.
Back to top button