Cinema

“Io vi troverò”, Liam Neeson e l’ex di Ben Affleck nel thriller stasera in tv

“Voglio indirizzo e numero di telefono della casa. Se ti sposti voglio sapere dove vai e insieme a chi stai. Chiamami appena atterri e ogni sera prima di andare a dormire“. Un padre amorevole, dietro un ex agente segreto CIA. Maestro nelle arti marziali, capace di uccidere e torturare persone a sangue freddo. Ha le ore contate per liberare la figlia diciassettenne da criminali che commerciano in prostitute. Liam Neeson, dopo l’intenso Oskar Schindler, è stasera in tv in “Io vi troverò“. Un sagace thriller, un action movie dei migliori: dove il pericolo è essere ‘venduta al miglior offerente’. 

Quattro ore di lavoro, 25 bigliettoni per accompagnare una diva del pop al concerto. Ci manca un uomo.
Bryan: Una cantante?
Sam: Non so se sia il termine giusto, forse una vacca da mungere! Ha già venduto 20 milioni di dischi e non ha neanche venticinque anni. Il lavoro è una passeggiata, dobbiamo solo portarla lì e a casa. In teatro c’è la sicurezza che la copre
“. Bryan Mils (Liam Neeson) era in pensione, e contava di svolgere lavori saltuari come addetto alla sicurezza negli eventi e guardia del corpo delle star. Quando sua figlia Kim (Maggie Grace della serie cult “Lost”) che vive con la madre Lenore (Famke Janssen, bellissima ex volto di Chanel, la fidanzata di Wolverine in “X-Men” ed ex fidanzata di Ben Affleck) e con il facoltoso patrigno in una lussuosa villa a Los Angeles, gli chiede il permesso di poter andare a Parigi con un’amica. E, cuore di papà ma adolescente snaturata americana, vuole anche seguire il tour europeo dei concerti degli U2. Scese dall’aereo le ragazze vengono avvicinate da Peter, un ragazzo affascinante che si presenta come studente, e le convince a dividere il costo di un taxi. 

Alla Liam Neeson

In realtà Kim, essendo ancora vergine, viene venduta a Patrice Saint-Clair, un parigino gestore di traffici di donne nella tratta delle bianche. Ricchi clienti arabi sono i richiedenti. L’unico errore commesso dai mezzani francesi e dalla mano d’opera albanese, sarà rapire la figlia dell’agente speciale CIA. “Se lasciate andare mia figlia, la storia finisce qui. Non verrò a cercarvi, non vi darò la caccia. Ma se non lo farete, io vi cercherò, vi troverò… e vi ucciderò”. Insieme allo sceneggiatore di “Karate Kid”, il regista Pierre Morel nel 2008, affiancato dal famoso Luc Besson come sceneggiatore e produttore che mette un po’ delle sue insuperabili opere “Nikita” e “Leon“, mantiene ciò che promette: “Io vi troverò” è un film d’azione, a sangue freddo. Atipico. Tra aberranti nefandezze a candidi momenti familiari. Cruenta la scena dell’elettrocuzione somministrata attraverso due grossi chiodi infilzati nelle ginocchia del criminale albanese. Liam Neeson ha rifiutato uno stuntman come controfigura nelle sequenze rischiose. “Non ho altro tempo da perdere, Marco da Tropoia. O parli o l’interruttore resta acceso finché non staccano la corrente per mancato pagamento della bolletta“. 

Il film si rivelò un grande successo, generando due sequel e una serie TV. In parte, anche grazie alla Fox, la casa cinematografica, che lo prese e montò un avvincente trailer trasmettendolo durante vari eventi sportivi negli Stati Uniti. “Taken” il titolo originale di “Io vi troverò“. “Ti prenderanno. Avrai cinque, forse dieci secondi… sono molto importanti. Lascia il telefono sul pavimento. Concentrati! Grida tutto quello che vedi di loro colore dei capelli, degli occhi, sono alti, bassi, cicatrici… Tutto quello che vedi”. Questo il decalogo del padre pronto a tutto, che con un solo telefonino ribalta Parigi. Liam Neeson passò quattro mesi in Francia a studiare karate per rendere credibile il suo ruolo. Fu proprio l’attore a raccontare che il film generò un grande equivoco: che in gran parte d’Europa ci fosse il rischio dei traffici umani per le giovani. Questo padre ‘cerca persone’, spietato, segugio per amor filiale, ha scatenato con la forza del suo sguardo, la sensazione di realtà dentro un film.

Federica De Candia per Metropolitan magazine

Back to top button