InfoGeek

iPhone 14 potrebbe essere molto diverso dai modelli precedenti

Adv
Adv

Lo slot per la Sim fisica ,la scomparsa del notch e il nuovo design: ecco le novità del prossimo iPhone 14

C’è già molto Hype su Iphone 14, il nuovo modello che uscirà a settembre 2022

Da settimane si stanno facendo indiscrezioni e ipotesi su come sarà l’iPhone 14, che uscirà a settembre 2022. I rumor, per ora, si concentrano soprattutto sul design di iPhone 14. Al momento questo modello potrebbe essere il primo a fare a meno del notch, ovvero la tacca in alto sul display.

Al suo posto un punch hole, cioè un foro ovale piuttosto visibile in cui saranno messi i sensori della fotocamera frontale e di fianco quelli per il Face ID, il login di sicurezza utile per accedere al telefono, alle app e per autorizzare acquisti e pagamenti.

Importanti novità in termini di design, su altri aspetti ci sarà da aspettare.

L’esperienza completamente wireless per ora dovrà aspettare

Improbabile, per ora, che venga eliminata la porta di ricarica e trasferimento dati lightning. Le ipotesi relative a uno smartphone privo di porte e magari di tasti risalgono già ad un paio di anni fa. L’esperienza completamente wireless però dovrà aspettare. Proprio la velocità del trasferimento dei dati e la ricarica wireless non permetterebbero ancora un salto così profondo in termini di esperienza per l’utente, senza contare la possibilità di avviare un iPhone in Safe Mode collegandolo a un pc, se e quando necessario, che in questo modo salterebbe.

Ciò che potrebbe invece sparire, almeno nei paesi sotto questo aspetto più maturi, sono gli slot fisici per le schede nano-Sim. La crescita progressiva delle eSim (i piani telefonici smaterializzati e caricati direttamente su un chip dedicato del telefono) sono già disponibili con gli iPhone 13 così come su iPad ed Apple Watch e potrebbero restituire spazio prezioso in termini di progettazione (da destinare a batterie più capienti o a chip dedicati all’intelligenza artificiale) e favorire anche una maggiore semplicità per gli utenti in termini di passaggio fra le diverse offerte e concorrenza, almeno quando i telefoni si acquistano autonomamente, slegati cioè dai piani e dagli accordi tariffari proposti dagli operatori e dai pagamenti rateali.

Un primo segnale dovremmo vederlo a partire dalla prossima primavera, quando gli operatori telefonici americani dovrebbero iniziare a vendere iPhone 13 in abbonamento con il solo supporto dell’eSim. Per preparare il campo ad un eventuale salto generazionale.

Segui Metropolitan Magazine su Facebook

Adv
Adv

Related Articles

Back to top button