Jannik Sinner a sorpresa fuori a Montpellier. Molto bene Sonego e Marcora

Foto dell'autore

Di Redazione Metropolitan

Buone notizie a metà per quanto riguarda il tennis maschile. Purtroppo infatti si è interrotto prematuramente il cammino di Jannik Sinner nel torneo ATP 250 di Montpellier. A rendere meno amara la pillola però ci hanno pensato fortunatamente Lorenzo Sonego e Roberto Marcora. Il primo, sempre a Montpellier, si è preso i quarti di finale mentre il secondo ha battuto Ernest Gulbis ed è potuto avanzare così agli ottavi di finale del torneo di Singapore.

Sinner fermato da Bedene (e dalla schiena…)

Non era una partita facile quella di Jannik Sinner nel suo match d’esordio dell’ ATP 250 di Montpellier contro lo sloveno Aljaz Bedene. Incontrava infatti un avversario che lo aveva battuto in ben due precedenti su tre. Così è stato in effetti, con l’ altoatesino che, dopo un primo set magistrale, ha ceduto alla distanza con lo score di 3-6 6-2 7-6 dopo 2h e 40 minuti di match. Da segnalare che l’altoatesino, sotto 4-2 al tie-break decisivo, ha richiesto un medical time-out a causa di un problema alla parte bassa della schiena.

Jannik Sinner – Aljaz Bedene: il match

Il primo set di Bedene dura solamente tre giochi. Dal 2-1 in suo favore infatti, Sinner conquista il break a 30 e nei successivi tre suoi turni di servizio piazza un parziale di 12 punti a 1. Ciò consente all’altoatesino di chiudere il parziale con relativa facilità, contro un avversario che non sembra per il momento avere sufficienti armi per impensierire l’italiano: dopo 36 minuti siamo 6-3. Nel secondo set lo sloveno prova ad attaccarsi ai suoi turni di servizio e a fatica si porta sul 2-1. Qui il colpo di scena. Sinner concede infatti le prime palle break della sua partita. Jannik è abile ad annullarne tre consecutive ma alla quarta opportunità Bedene breakka: 3-1. Il nativo di Ljubljana fatica tremendamente nei suoi turni di battuta ma in un modo o nell’altro conquista sia il quinto sia il settimo gioco ai vantaggi: 5-2.

Dall’ altra parte uno Jannik Sinner che soprattutto dal lato del dritto sembra aver perso un po’ di fiducia. Prosegue il momento no dell’azzurro: break di Bedene e 6-2 per lo sloveno. L’azzurro non sembra lui. Ciò nonostante sia nel terzo sia nel quinto game avrebbe la chance per levare il servizio all’avversario. Quest’ultimo per il momento tiene: 3-2. La tensione sale. L’altoatesino, sotto 4-3, rimonta brillantemente dallo 0-30 e impatta sul 4-4. I due trovano un’inaspettata fluidità al servizio e dunque si va al tie-break decisivo. Questo si apre con quattro mini-break. Bedene è il primo ad allungare sul 4-2. Qui succede l’inaspettato, con Sinner che chiama il fisioterapista per un problema alla parte bassa della schiena. L’italiano prova a proseguire ma ormai c’è poco da fare, con lo sloveno che non ha alcun problema a condurre in porto la partita.

Un ottimo Lorenzo Sonego conquista i quarti

Nella foto in azione Lorenzo Sonego – Photo Credit: via Twitter, @SuperTennisTV

Un Lorenzo Sonego più che perfetto ha conquistato i quarti di finale dell’ ATP 250 di Montpellier. Il piemontese, contro pronostico, ha estromesso dall’evento il giovane americano Sebastian Korda: 6-3 6-2 il punteggio finale dopo 1h e 13 minuti di match. Lorenzo al prossimo ostacolo attende il vincente della sfida tra il francese Benjamin Bonzi ed il belga David Goffin, testa di serie numero 2. Per l’azzurro quella di oggi è la 40esima vittoria in carriera a livello ATP, l’ottava ottenuta sul veloce indoor. Così come otto sono anche i quarti di finale ottenuti da “Sonny” a livello di circuito maggiore.

Nel primo set Sonego è praticamente perfetto. Il momento decisivo del parziale è il quinto gioco, in cui l’azzurro annulla con abilità due delicate palle break e si porta avanti 3-2. Da qui il piemontese piazza un incredibile parziale di 8 punti a 2 e s’invola 5-2. Korda tiene l’ottavo gioco a zero ma ormai l’inerzia è tutta dalla parte di Lorenzo: 6-3 dopo 40 minuti. Anche nel secondo parziale il turning point è il game numero cinque, con l’italiano che toglie il servizio al nativo di Bradenton con uno strabiliante passante di rovescio: 3-2 e servizio. L’americano prova una timida reazione portandosi sullo 0-30 ma il torinese oggi è troppo solido e soprattutto libero mentalmente. Sonego infatti non solo recupera il game ma in quello successivo si prende addirittura il doppio break di vantaggio: 5-2. Korda non molla ma ormai l’incontro è segnato: 6-2.

Non solo Jannik Sinner e Lorenzo Sonego…

Nella foto in azione Roberto Marcora – Photo Credit: via Twitter, @federtennis

Non solo Montpellier. C’era infatti un terzo italiano impegnato oggi nel circuito ATP. Si tratta di Roberto Marcora, che ha decisamente ben figurato nel suo match di primo turno del torneo ATP 250 di Singapore. L’azzurro, in 1h e 14 minuti, ha regolato con lo score di 7-5 6-4 il lettone Ernest Gulbis. Agli ottavi di finale il nativo di Busto Arsizio affronterà il francese Adrien Mannarino, numero 35 del mondo e testa di serie numero 1 dell’evento asiatico. Per Roberto si tratta del terzo successo a livello ATP, dopo i due ottenuti a Pune (India) nel 2020, dove riuscì a raggiungere i quarti di finale. Continua invece la crisi nera dell’ex top 10 lettone. Gulbis infatti, dalla fine di agosto, su undici tornei disputati ha collezionato la bellezza di dieci primi turni. Nel match odierno, a dire la verità, non è sembrato neppure in perfette condizioni fisiche. Bravo comunque l’italiano a restare concentrato per tutta la durata della partita e a non concedere alcuna chance di break al suo avversario.

ENRICO RICCIULLI