Calcio

Jean-Pierre Adams è morto dopo 39 anni di coma: addio all’ex difensore

Una storia sbalorditiva che aveva lasciato senza parole tutto il mondo del calcio. Soprattutto quello francese. Oggi, la Francia dice addio definitivamente a Jean-Pierre Adams, sfortunatissimo difensore arrivato dal Camerun che ha vissuto in coma gli ultimi 39 anni di vita. Se così si può chiamare. Il cordoglio di tutto il mondo calcistico transalpino è presente nel salutare per l’ultima volta un giocatore che, per colpa di un errore medico, non si è più risvegliato da una banale operazione.

Jean-Pierre Adams: lo sfortunato difensore muore a 73 anni

Un sogno realizzato che si è tramutato in un incubo lungo 39 anni. Jean-Pierre Adams era arrivato giovanissimo in Francia, quindi in Europa, dal Camerun con la speranza di diventare un calciatore professionista. Quel sogno era divenuto realtà: Fontainebleu, Nimes, Nizza, PSG, Mulhouse e Chalon sono state le maglie delle società vestite dallo sfortunato calciatore. Ritirato dalla scena calcistica nel 1981 dopo aver giocato per la Nazionale francese per ventidue volte, un anno dopo era iniziato il suo calvario: un errore medico durante un’operazione banale al ginocchio (sotto accusa l’anestesia somministrata all’ex sportivo) l’aveva mandato in coma. Da quel giorno, Adams non si è più ripreso: è morto oggi all’età di 73 anni. Un uomo davvero sfortunato.

Seguici su Metropolitan Magazine

(credit foto – GTV SPORTS+)

Back to top button