Dal paddock di Ad Diryah, Jerome D’Ambrosio solleva un problema circa i recenti test pre-stagionali corsi a Valencia. Secondo l’alfiere di Mahindra Racing, il Ricardo Tormo non è una pista adeguata alla Formula E.

Jerome D’Ambrosio test Valencia – Il Ricardo Tormo di Valencia è un circuito permanente che ospita i test pre-stagionali della Formula E dalla season four. Nelle prime tre stagioni, invece, i test preparatori alla stagione sportiva si svolgevano a Donington Park. Malgrado lo spostamento dal tracciato britannico a quello spagnolo, molti piloti hanno sollevato negli anni il medesimo problema: tracciati inadeguati alla Formula E.

Jerome D'Ambrosio test Valencia
Jerome d’Ambrosio durante i test di Valencia – Photo Credit: Angelo Lino Balzaretti, KLAMAT

Malgrado il layout utilizzato dalla Formula E sia lungo solamente 1.9 km con l’inserimento di alcune chicane per simulare un tracciato cittadino, il lavoro non sembra sufficiente. Jerome d’Ambrosio, intervistato da Motorsport.com, è recentemente tornato su questo situazione, proponendo anche alcune potenziali soluzioni.

“Credo che dobbiamo cambiare tracciato in cui svolgere i test. Il problema è che ci sono 24 auto insieme con le relative infrastrutture di ricarica. Una serie di fattori che solamente pochi tracciati sono in grado di offrire. Sfortunatamente, nessuno dei tracciati dove svolgiamo i test privati è in grado di offrire questi servizi. Credo che i team debbano unirsi e costruire un tracciato ad hoc i test di Formula E e, con lo sforzo economico anche di Formula E, i costi sarebbero minori. Sarebbe una sfida molto interessante ed, allo stesso tempo, Formula E avrebbe un posto perfetto.”Jerome D’Ambrosio ai microfoni di Motorsport.com

Dopo i test pre-stagionali siamo sempre stati abituati a sentire dai piloti che “il valore reale lo vedremo alla prima gara, i tempi nei test hanno poco valore”. Forse l’idea avanzata dal pilota Mahindra potrebbe rappresentare una soluzione che comporterebbe dei costi non indifferenti, specialmente perché aumenterebbe la probabilità di incidenti.

SEGUICI SU :

© RIPRODUZIONE RISERVATA