Jessica Selassiè delusa: “Non dovevo affezionarmi a Barù”

Foto dell'autore

Di Redazione Metropolitan

 Jessica si è lasciata andare ad uno sfogo con Delia a cui ha confessato di sentirsi in colpa per essersi affezionata a Barù e di aver creduto di poter avere un rapporto sincero con lui.

Al termine della puntata che ha decretato Barù finalista, Jessica non ha nascosto la delusione per le parole durissime che il toscano le ha rivolto in confessionale e ha svelato che il nipote di Costantino della Gherardesca le aveva fatto intendere altro: «Io ero presente quando lui ha detto ad Alessandro e a Sophie di organizzare la love boat. Mi ha detto che sarebbe stato un modo per stare da soli». «Poi all’improvviso ha cambiato idea dicendo che non vuole nessun rapporto con te», ha replicato la modella venezuelana.

“Ci sono rimasta malissimo e sono delusa anche da me che mi sono affezionata. Anche vederlo qui dentro per altri tre giorni non mi va per niente. Sono proprio delusa, non sono arrabbiata ma tanto delusa. Sulle cose che ha detto su di me, la mia famiglia e il fatto delle ‘principesse’. E per fortuna che mi vuole bene, pensa se mi voleva male cosa poteva andare a dire agli altri. Non penso di meritarmi quelle cose, soltanto perché ho detto che era un po’ stratega”, ha confessato Jessica a Delia.

“Sono sembrata una pazza e scema che credeva a qualcosa che non esisteva. Lui ai suoi amici diceva che non provava nulla per me e che mi vedeva soltanto come un’amica. Sì lui mi aveva preso di testa. Se anche mi vuole bene è stato eccessivo in certe cose che ha detto. Mi sono illusa e ci tenevo davvero. Con me ha chiuso proprio e non capisco come abbia fatto ad andare in finale”.

Questa mattina i due si sono confrontati per far venire a galla i rispettivi malumori. «Ho sbagliato io a credere in qualcosa che non esiste e non esisterà mai», ha detto la principessa. Non hai sbagliato niente… Dopo tanti mesi volevi un po’ di affetto, ma  magari non sono io quello che cerchi. Di certo non ho giocato con te. Io ti voglio bene», le parole di Barù.