Cinema

Katharine Hepburn, modernità e indipendenza

12 maggio 1907: nasce a Hartford (Connecticut) Katharine Hepburn. Attrice con più di 70 anni di carriera, è considerata una delle migliori mai apparse sul grande schermo. E’, inoltre, colei che detiene il record assoluto per il numero di Oscar vinti. Durante la sua carriera, infatti, viene insignita di quattro statuette per le sue performance in La gloria del mattino (Lowell Sherman, 1933), Indovina chi viene a cena? (Stanley Kramer, 1967), Il leone d’inverno (Anthony Harvey, 1968) e  Sul lago dorato (Mark Rydell, 1981).

La Hepburn non è solo una grande attrice. E’ una donna che ha saputo essere in anticipo su i tempi e combattere gli stereotipi. Amante degli abiti dal taglio maschile, è una delle star che portano in auge l’utilizzo dei pantaloni tra le donne. Inoltre, non si sposa mai con il suo grande amore, il collega Spencer Tracy, pur standoci accanto per ben 26 anni. Questo suo lato si nota anche nel suo lavoro. Interpreta spesso, infatti, donne anticonformiste, intelligenti e indipendenti.

Katharine Hepburn: gli esordi

Katharine Hepburn nel ruolo di Pandora in The Woman in the Moon, durante uno spettacolo al Bryn Mawr College – Photo Credts: tumblr.com

Proveniente da una famiglia dell’alta borghesia del Connecticut, Katharine Hepburn riceve un’istruzione di prim’ordine. Si rivela ben presto una mente estremamente brillante. A soli 17 riesce ad entrare al Bryn Mawr College, una prestigiosa università femminile specializzata nell’insegnamento delle arti liberali. Qui inizia a coltivare la sua passione per la recitazione. Si avvicina infatti al mondo del teatro recitando in varie produzioni universitarie.

Laureatasi, la giovane decide di volere diventare un’attrice professionista. Inizia, quindi, una gavetta che la porta a esibirsi con minori compagnie teatrali. Nel 1928 approda a Broadway, non ottenendo però risultati particolarmente positivi. La svolta avviene nel 1932, quando le viene affidato il ruolo della regina delle amazzoni Antiope nel dramma The Warrior’s Husband. Grazie a questa parte, infatti, Hollywood la nota e inizia così la sua avventura nel mondo del cinema.

Durante la sua carriera, Katharine Hepburn ha preso parte a un gran numero di ruoli memorabili. Noi qui vi proponiamo i quattro che meglio incarnano il suo spirito forte, indipendente e innovativo.

1 Piccole donne (George Cukor, 1933)

Piccole donne racconta un anno di vita della famiglia March, incentrandosi sulla vita delle 4 figlie. Qui l’attrice interpreta Josephine “Jo”, una delle sorelle. E’ un ruolo che si adatta perfettamente all’attrice. Jo è una ragazza indipendente, spiritosa e un po’ maschiaccio. Non sogna l’amore, ma di diventare una scrittrice di successo. E’ avanti con i tempi, un outsider per la società di metà 800 – l’epoca in cui il film è ambientato – un po’ come la sua interprete.

2 Scandalo a Filadelfia (George Cukor, 1941)

http://cineclubbellinzona.altervista.org/
Katharine Hepburn, John Howard, Cary Grant e James Stewart in un’immagine promozionale di Scandalo a Filadelfia – Photo Credits: cineclubbellinzona.altervista.org

Scandalo a Filadelfia ha per protagonista Tracy Lord (Katharine Hepburn), una rampolla dell’alta società di Filadelfia. La giovane si sta per risposare con George Kittredge (John Howard), a due anni dal divorzio dal suo primo marito C.K. Dexter Haven (Cary Grant). A complicare il tutto vi è il ritorno dello stesso Dexter e l’arrivo di Macaulay Connor (James Stewart), scrittore alla ricerca di un’esclusiva sul matrimonio dell’ereditiera. Il personaggio di Tracy mostra tutta la filosofia di vita della Hepburn. E’, infatti, una donna indipendente, forte e che vuole avere salde nelle mani le redini della propria vita.

3 La donna del giorno (George Stevens, 1942)

La donna del giorno si concentra sulle vicende di una coppia di giornalisti, Tess Harding (Katharine Hepburn) e  Sam Craig (Spencer Tracy). I due lavorano nella stessa redazione e inizialmente non si sopportano. Conoscendosi meglio, però, la scintilla scatta e i due si innamorano. Decidono, poi, di sposarsi ed è la che cominciano gli primi screzi. Tess, infatti, è totalmente assorta dal suo lavoro e non dedica molto tempo alla vita matrimoniale, cosa che delude e irrita Craig. Il film gioca con questo clima di amore e scontro. La Hepburn, inoltre, attraverso il suo personaggio, sfida il convenzionale ruolo che la donna ha in quegli anni nella società. Non è più, infatti, la classica donna sposata che sta a casa, ma una lavoratrice con una brillante carriera.

4 Indovina chi viene a cena?

In indovina chi viene a cena vediamo Katharine Hepburn e Spencer Tracy nuovamente assieme. Interpretano una coppia che deve affrontare il fatto che la figlia si sia innamorata e voglia sposare un uomo di colore. La pellicola tratta di un tema estremamente delicato come il matrimonio interraziale, in un momento storico in cui non è ancora accettato facilmente. Lo fa, inoltre, dando una visione estremamente liberale e progressista dell’argomento.

Seguici su Metropolitan Magazine Italia e Il cinema di Metropolitan.

Giorgia Silvestri

Back to top button