‘Kidding’: il viaggio di un uomo gentile che vive in un mondo crudele

Jim Carrey, oltre alla commedia, ha dimostrato più volte di essere un ottimo attore drammatico, specialmente in film conosciuti come, Se mi lasci ti cancello e The Truman Show. Nella Televisione, Carrey è apparso nel 1990 nella serie In Living Color. Ora, quasi 30 anni dopo e proveniente da una bella carriera nel cinema, Carrey torna in televisione per una serie originale, malinconica e affascinante.

Jim Carrey nei panni di Jeff Pickles in Kidding, fonte: Divulgazione

Creata da Dave Holstein (I’m dying up here, Aiutami Hope, Weeds) e alcuni episodi diretti da Michel Gondry (lo stesso regista di Se mi lasci ti cancello), Kidding racconta la storia di Jeff (Carrey), un famoso e rispettato presentatore del programma infantile mondialmente famosos, Mr. Pickles’ Puppet Time. Dopo aver incarnato Mr. Pickle per oltre due decenni, Jeff vive un momento difficile nella sua vita personale. Separato dalla moglie Jill (Judy Greer) dopo la morte di uno dei figli gemelli della coppia in un incidente d’auto, Jeff vive in una piccola casa, anche se milionario cerca di riconquistare la moglie e l’amore del figlio, mentre è ammirato da bambini e adulti in tutto il mondo.

Jeff è un uomo gentile e onesto che sopporta il peso che solamente persone calme riescono a sopportare. Non si infuria, non sgrida e non è mai pessimista. Tuttavia, tiene tutto per se. Nel tentativo di affrontare argomenti più delicati nel suo programma, come la morte, il lutto e la perdita, Jeff si rende conto che nel mondo di Mr. Pickles, la tristezza non è un’opzione. Per non perdere gli inserzionisti del programma, il suo team di lavoro inizia a provare a controllarlo per mantenere intatto il personaggio. Poco a poco, sia lui che il signor Pickles si stanno sgretolando, in una malinconia che può prendere lo spettatore alla sprovvista se questo si aspetta un dramma leggero. Nei dettagli, Kidding può essere abbastanza scioccante.

Una scena di Kidding, Fonte: Divulgazione

Allo stesso tempo, Kidding non impacchetta il suo protagonista in qualcosa di manicheo. Ogni volta che Jeff inizia a sembrare troppo comprensibile, quasi un santo, inizia anche a comportarsi in modo impulsivo e in qualche modo bizzarro. Nella serie, tristezza e rabbia si inseriscono nella vita di tutti i giorni per mettere alla prova il mondo magico di Jeff. Lentamente, il personaggio entra nella melodia della vita “normale” di tutti noi, in cui ci sono solo lamentele e frustrazioni, ma riesce sempre a tornare in un posto più delicato.

Kidding mostra un viaggio dell’eroe diverso. Jeff inizia gradualmente a capire che Mr. Pickles è importante per le altre persone, ma il dover sopportare il peso di essere gentili il 100% delle volte e di nascondere emozioni tristi può essere dannoso per l’uomo dietro al personaggio. Con cinque episodi finora (saranno 10), la serie ci fornisce sceneggiature che migliorano ad ogni episodio. Portando una sbalorditiva malinconia in una serie con episodi di mezz’ora, Kidding è una delle grandi sorprese dell’anno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA