Cinema

“La campionessa”, stasera in tv la vera incredibile storia di Michelle Payne

Michelle Payne è stata la prima fantina donna a vincere la Melbourne Cup, prestigioso evento che si svolge ogni anno in Australia sin dal 1861. L’emozionante storia della giovane cavalière, raccontata nel drama biografico “La campionessa” (Ride Like a Girl), andrà in onda questa sera su Canale 5. Il film è del 2019, il primo dell’attrice e regista Rachel Griffiths. Con un’intensa Teresa Palmer nei panni di Michelle, al cui fianco spicca Sam Neill nel ruolo dell’autoritario e testardo padre, addestratore di cavalli.

Un film avvincente, drammatico, sportivo, in grado di testimoniare la forza dell’eroismo femminile della sua protagonista. Michelle Payne si è sempre sentita dire che non sarebbe mai diventata un fantino di successo mondiale. D’altronde, non è abbastanza dura di carattere e soprattutto, non è un uomo. Ma i primi fallimenti non sono sufficienti a frenare il suo spirito combattivo e, con l’appoggio dei suoi cari, la giovane fantina riuscirà a dimostrare il proprio valore al mondo intero. Disposta a sacrificare ogni cosa per il suo unico desiderio: vincere la corsa di cavalli più prestigiosa del Paese, ottenendo un titolo mai conseguito prima da una donna. “La campionessa” è la storia vera di un emozionante traguardo, trasposto dallo sguardo di Rachel Griffiths che si muove audace entro un quadro di paesaggi a dir poco suggestivi, nel suo esordio alla regia.

“La campionessa”, la trama

Michelle Payne (Teresa Palmer) è la più giovane di dieci fratelli, cresciuti dall’autoritario e testardo addestratore di cavalli Paddy Payne (Sam Neill), dopo la tragica morte della madre in un incidente d’auto. Fin da piccola Michelle sogna di diventare una campionessa e, malgrado il parere contrario di suo padre, a quindici anni lascia la scuola per diventare un fantino.

Dopo un’altra tragedia familiare, i primi fallimenti e una brutta caduta del suo cavallo, la sua carriera sembra compromessa. Ma Michelle riesce a rialzarsi grazie al supporto del fratello Stevie Payne (interpretato dal vero fratello della campionessa). Il 2015 è l’anno della sua consacrazione. La determinazione e il duro allenamento ripagano Michelle che diventa la prima campionessa donna del prestigioso torneo ippico, cavalcando il puledro Prince of Penzance.

Il film biografico testimonia l’incredibile storia di Michelle Payne ma è anche monito della lotta all’egemonia della presunta superiorità maschile nel mondo dello sport, ancora spesso predominante. La pellicola rimarca l’emarginazione femminile subita dalle giovani sportive, costrette a dover lottare per abbattere i tanti muri di sciovinismo maschilista che tuttora esistono.

Arianna Panieri

seguici su Facebook, Instagram, MMI

 

Back to top button