Cultura

La DC vuole smettere con i film brutti

Gli incassi di Aquaman avranno risvegliato qualcosa?

La DC vuole smettere con i film brutti
Justice League: (da sinistra a destra)
Flash, Superman, Cyborg, WonderWoman, Batman, Aquaman

Aquaman ha realizzato 1 miliardo di dollari al box office, grande traguardo per la Dc Comics.

Infatti dopo questo successo la Casa di Produzione sembra voler mantenere questo trend. Ma come? Dopo passi falsi come Justice League, Batman VS Superman e Suicide Squad (specialmente Suicide Squad!), Aquaman potrebbe dare una svolta alla direzione creativa dei CineComics targati DC. Prima del principe di Atlantide infatti, Lo Hobbit era il campione d’incassi ad essere arrivato al Miliardo.
Aquaman è infatti diventato il film di maggior successo della DC Comics dell’era moderna e attualmente si sta confrontando con la trilogia di Christopher Nolan per la corona.
Il Presidente di Warner Bros. Pictures Group Toby Emmerich ha parlato del futuro dei film della DC, dicendo che non inseguiranno più l’approccio dei Marvel Studios.
Infatti ha dichiarato su Hollywood Reporter:

“Ci sentiamo tutti come se avessimo girato un angolo ora. Stiamo seguendo il copione DC, che è molto diverso dal copione della Marvel(…)”

“(…)Siamo molto meno concentrati su un universo condiviso, prendiamo un film alla volta, ogni film ha la sua equazione e la sua entità creativa. Se c’è da dire una cosa su di noi, è che la nostra attenzione è sui registi”.

Emmerich ha anche fatto citato la Disney, che vive un’inevitabile crescita nel nuovo anno, con la fusione con Fox. La Warner Bros. non li inseguirà, chiarendo quali progetti li impegneranno per il futuro:

“Siamo molto concentrati sulla DC, sull’aumento dell’animazione e sui film che contribuiscono allo scambio sociale”

ha detto Emmerich, in riferimento ai successi del 2018 come A Star Is Born.

Non sono molto sicura che un approccio che nega la continuity possa giovare a dei CineComics, ma daremo alla DC un’altra possibilità.
Al prossimo film!

Rae Mary

Maria Paola Pizzonia

Studentessa di Scienze Politiche a alla Sapienza di Roma. Ha conseguito l'attestato di Scrittura alla Scuola di Narrativa e Saggistica Omero di Roma. Ha partecipato fino al 2016 agli Studi Pirandelliani di Agrigento. Ha lavorato con Live Social by Radio Capital. Scrive anche per Chiasmo Magazine, Ossigeno (di Civati, Possibile), Scomodo; Redattrice di Metrò per Attualità&Politica. Ha lavorato al progetto BRAVE GIRLS di cui si occupa attualmente. Livello C2 di Inglese.
Back to top button