Gossip e Tv

La malattia di Amanda Sandrelli, chi è la figlia di Stefania: “Non le dissi subito del cancro”

Chi è Amanda Sandrelli, figlia della relazione che mamma Stefania ebbe all’epoca col cantante Gino Paoli? Nata nel 1964, proprio per via della minima differenza anagrafica con la madre, ha avuto in questa da sempre una sorta di sorella maggiore: dunque non solo un punto di riferimento ma anche una figura con la quale condividere le gioie ma anche i dolori della vita, e in particolare quelli della malattia avuta diversi anni fa e che ha rappresentato uno spartiacque.

La malattia di Amanda Sandrelli

Un’esperienza, quella del cancro, da cui fortunatamente ne è uscita ma che non manca di raccontare durante le interviste rilasciate nel corso degli anni e che potrebbe anche essere uno degli argomenti che mamma Stefania avrà questo pomeriggio nel salottino tv di “Verissimo”. Nel 2009 infatti le venne diagnosticato un tumore al seno che, tuttavia, scelse inizialmente di tenere nascosto alla madre: “Ho avuto paura quando ho scoperto la diagnosi… In quei momenti ti trovi su un crinale” ha raccontato Amanda.

Durante quella terribile esperienza, lontana oramai quasi 12 anni, la figlia di Stefania Sandrelli fece una scelta precisa e singolare: non rivelare praticamente quasi a nessuno la battaglia che avrebbe dovuto combattere, affrontando da sola (pur avendo i suoi famigliari sempre vicini) le paure e le ansie che vive ogni paziente oncologico. “Quanto senti la parola ‘cancro’ subito ti viene da pensare alla morte o alle possibili mutilazioni…” aveva candidamente ammesso una volta che il peggio era passato grazie anche a un’operazione che non ha comportato per Amanda alcuna terapia di supporto. L’unico a conoscere la malattia era il suo ex compagno, l’attore di origine peruviana Blas Roca-Rey e con lui il fratello Vito Pende.

Ma perché non dirlo a mamma Stefania e al papà? “A loro all’inizio ho preferito non raccontarlo: a papà e mamma anzi ho scelto di dirlo quando ho capito cosa mi attendeva” ha rivelato la 56enne, spiegando che tuttavia da quel momento in poi i genitori, capendo la sua scelta, le sono stati sempre vicini. “Il modo migliore per superare la paura è affrontarla, non fingere di non averla” ha poi raccontato Amanda nel corso di un evento organizzato nel 2016 e che era rivolto a tutte le donne che hanno avuto un tumore al seno. Seguita dal professor Umberto Veronesi, tutto si è risolto bene: e anche per questo oggi aiuta altre donne a capire come affrontare quest’esperienza, pur ammettendo che anche lei, pur tornando a una vita normale, le prime volte aveva dei dubbi “se ce l’avrei fatta o meno”.

Back to top button