17.4 C
Roma
Maggio 16, 2021, domenica

La polizia trova la statua romana di “Togatus” del valore di 100.000 euro

- Advertisement -

È stata recuperata, dopo un’assenza lunga 10 anni, un marmo Togatus, un’opera del I secolo a.C. trafugata dal parco di villa Marini Dettina.

La statua, rubata nel novembre del 2011, si trovava in un negozio dell’antiquariato a Bruxelles, in Belgio. La cosa curiosa riguardante questa notizia è che il rinvenimento dell’opera è stato un colpo di fortuna da parte di due agenti di polizia italiani che si trovavano in Belgio per questioni lavorative.

I due agenti, facenti parte della squadra furti d’arte, passavano, al termine del turno di lavoro, fuori dal negozio nel quartiere di Sablon quando hanno notato l’opera con, a fianco, l’offerta. Insospettiti dagli evidenti segni di scavo archeologico, i poliziotti hanno capito immediatamente di trovarsi di fronte ad un’opera unica e che, soprattutto, non poteva trovarsi in un semplice negozio di antiquariato. Una volta tornati in Italia, i militari, hanno confrontato le foto fatte ala statua con quelle contenute nella banca dati dei beni culturali illecitamente sottratti.

Grazie a queste sono riusciti a risalire al furto avvenuto anni prima presso villa Marini Dettina. Allertate le forze competenti è quindi cominciata un’indagine che ha portato la Procura della Repubblica di Roma a predisporre il sequestro della statua. Coadiuvate dalla polizia belga, le nostre forze dell’ordine hanno reso possibile, a febbraio 2021, il ritorno dell’opera in Italia.

A seguito delle indagini, e di un attento lavoro interno, sia i Carabinieri del patrimonio culturale che la Direction Generale de l’Inspection Economique du SPF Economie, hanno scoperto un traffico d’arte internazionale gestito da un commerciante italiano. L’uomo, con un nome falso spagnolo, trafugava opere di valore per poi rivenderle al mercato nero o presso, per l’appunto, negozi d’antiquariato. Il commerciante è, al momento, denunciato per ricettazione ed esportazione illecita.

Riguardo l’opera

La statua, definita Togatus perché rappresentante un patrizio romano vestito, per l’appunto, con una toga, viene datata del I secolo a.C. ed è stimata all’incirca per un valore di 100.000 euro. Se la vendita fosse andata a buon fine avrebbe fruttato una grossa entrata al ricettatore, soprattutto tenendo conto che questa non era l’unica opera in suo possesso.

I Romani e il gioco d’azzardo

Il ritrovamento del Togatus, fosse avvenuto al tempo della Antica Roma, sarebbe sicuramente annoverato tra gli eventi governati dall’alea, ossia il termine della lingua latina che identificava in senso figurato la sorte.

In realtà l’accezione primaria di questa parola si riferisce a all’atto i lanciare i dadi da gioco, sperando appunto che la buona sorte facesse comparire una combinazione vincente.

Il legame tra il caso e il gioco d’azzardo appare dunque già chiaro a quell’epoca, tant’è che tutti gli altri giochi che si praticavano dietro scommesse in denaro venivano perciò chiamati col termine alea, come ad esempio:

  • Il lancio degli astragali, ossi di suino con 4 facce, utilizzati in alternativa ai dadi;
  • Le monete, utilizzate per giocare a “testa o croce”;
  • L’utilizzo di tesserae (ossia dadi) a 12 e più facce.

Inoltre, stando a quanto riferisce Plauto, le prime leggi a contrastare il fenomeno del gioco d’azzardo risalgono alla fine del III secolo a.C., e furono chiamate proprio leges alearie.

L’evoluzione tecnologica ha sicuramente fatto sì che oggi si possano acquistare i biglietti della lotteria senza problemi tramite smartphone, grazie a portali online dedicati o a specifiche App da installar sul proprio dispositivo; tuttavia appare chiaro come il fenomeno del gioco legalizzato abbia origini, implicazioni sociali e modalità del tutto simili a quelle che già avvenivano ai tempi dei Romani, col risultato che a tutt’oggi l’aggettivo “aleatorio” sta ad indicare il rischio derivante dallo scommettere su qualcosa non certo e legato al caso

© RIPRODUZIONE RISERVATA

- Advertisement -
- Advertisement -

Continua a leggere

- Advertisement -

Ultime News

- Advertisement -