La preseason ed il roster dei Minnesota Vikings

La pre season dei Minnesota Vikings si è appena conclusa. Tre vittorie, una molto larga sui Denver Broncos, (Week 1 di preseason: parliamo di Vikings, 49ers e Bills ),  altre due più sofferte contro i Seattle Seahwks e i Tennessee Titans. L’unica sconfitta contro Jacksonville Jaguars, squadra contro la quale non è mai facile giocare.

L’attacco dei Vikings

Kirk Cousins, il nuovo quarterback proveniente da Washington, è sembrato a suo agio con la nuova squadra ma i Jaguars lo hanno messo in crisi.

Kirk Cousins in azione (getty images)

L’offensive line è andata in sofferenza, consentendo troppi spazi: questa è probabilmente la sola nota stonata della pre season dei Vikings. Pat Elflein, il centro della squadra, è ancora fuori per infortunio e probabilmente sarà disponibile solo dalla week 2; Nick Easton, offensive guard, sarà fuori per tutta la stagione a causa di un grave infortunio al collo. Il backup Trevor Siemian non ha convinto: troppo lento ed approssimativo nelle decisioni, è sembrato sul livello del terzo qb, Kyle Sloter, il che è tutto un programma.

Running back e wide receiver

Dal punto di vista dei running back, Latavius Murray e il rookie free agent Mike Boone hanno svolto egregiamente il loro compito.

Latavius Murray, #25, in azione contro i Seattle Seahawks (Credit getty images)

Si aspetta inoltre il ritorno in piena forma di Dalvin Cook dal grave infortunio dell’anno precedente. Roc Thomas, dopo la prima partita contro Denver, è un pò scomparso ma farà dal roster dei 53 di inizio stagione, insieme a C.J. Ham, rivelazione delle ultime due partite.   Nel settore dei ricevitori,  Adam Thielen è sembrato un pò in ombra.  Per contro,  Stefon Diggs, l’autore del Minnesota Miracle, ha invece  brillato, anche se è sceso in campo in poche occasioni.

Stefon Diggs, #14, in motion contro i Seattle Seahwks (Credit getty images)

Anche Kyle Rudolph ha visto poco il campo ma sappiamo che si tratta di una certezza.

La difesa dei Vikings

La difesa ha mostrato la solita robustezza e compattezza.  Con l’aggiunta di George Iloka, safety proveniente dai Cincinnati Bengals, la linea secondaria sarà davvero difficile da battere. Antohny Harris, Andrew Sendejo ed Harrison Smith completano un pacchetto arretrato di tutto rispetto.

La concentrazione di George Iloka (credits Usa Today)

Nel reparto cornerback,  Xavier Rhodes, Mackensie Alexander e Trae Waynes sono una certezza, nell’attesa che i rookie Mike Hughes e Holton Hill mostrino il loro valore. Nel frattempo, Terence Newman, leggendario Defensive back, ha deciso di smettere. 40 anni, una lunghissima carriera spesa tra Dallas, Cincinnati e Minnesota, entrerà subito a far parte del coaching staff. La sua esperienza sarà utilissima per sviluppare il gioco di difesa.

Terence Newman, appena ritirato (credits chatsports)

I Vikings appaiono come una delle squadre migliori all’interno della NFC, se non addirittura dell’intera NFL. Il gruppo mostra davvero pochi punti deboli: ci sono delle speranze concrete su questa stagione dei Vikings e non resta che aspettare l’esordio di domenica 9 settembre contro i San Francisco 49ers. SKOL VIKINGS!!!

© RIPRODUZIONE RISERVATA