11.7 C
Roma
Aprile 12, 2021, lunedì

“La Sirenetta” Disney: Sardegna pronta a ospitare star e produzione

La Sirenetta Disney si prepara a nuotare nei mari nostrani e per farlo, ha scelto le acque trasparenti e cristalline della Sardegna.

- Advertisement -

La Sardegna riparte dal cinema. A breve inizieranno le riprese del film della Disney La Sirenetta. Una notiza strepitosa in tempi di incertezza turistica legata al Covid. La troupe e i protagonisti prenderanno casa a Santa Teresa Gallura, dove quasi sicuramente avrà base il quartier generale.

Tra le locations c’è Santa Teresa Gallura

"La Sirenetta", Santa Teresa di Gallura, splendida località della Sardegna settentrionale con uno sguardo rivolto alla Corsica - Photo credits: web
“La Sirenetta”, Santa Teresa di Gallura, splendida località della Sardegna settentrionale con uno sguardo rivolto alla Corsica – Photo credits: web

La Sirenetta, live action della Disney in preparazione, remake del famoso film cartone animato del 1989, sarà girato in gran parte in Sardegna, è stato infatti reso noto uno dei set più importanti del film, stabilito a Santa Teresa Gallura, in piena alta stagione, tra giugno e luglio. Ariel, Tritone, Sebastian e Flounder nuoteranno nel mare cristallino del piccolo centro della Gallura. Potrebbero essere girate alcune scene anche a Golfo Aranci e  Castelsardo. Un vero poker d’assi per la Gallura, zona ricca di storia e di natura, la cui bellezza ha sempre attirato turisti da ogni parte del mondo. La notizia arriva da La Nuova Sardegna, che ha intervistato per l’occasione l’assessore Scolafurru:

Il turismo riparte da qui. Settecento persone della produzione nei nostri hotel e ristoranti più una visibilità mondiale.

La Sirenetta: polemiche sulla diciannovenne afroamericana

Nel frattempo sono scoppiate le polemiche per la scelta del cast, in particolare della giovane  attrice Halle Bailey, diciannovenne afroamericana che, assieme alla sorella Chloe, forma il duo delle Chloe x Halle, giudicata troppo diversa dalla Ariel che tutti conosciamo. Una scelta che però non è andata giù a molti amanti dei classici Disney che, abituati ormai da 30 anni all’idea del personaggio di Ariel come quello di una sirena dalla pelle diafana, con una inconfondibile chioma rossa in contrasto con la coda verde, hanno rigettato l’idea che la protagonista potesse avere la chioma e la carnagione scura.

Halle Bailey, diciannovenne afroamericana  alias Ariel - Photo credits: web
Halle Bailey, diciannovenne afroamericana alias Ariel – Photo credits: web

L’attrice afroamericana è supportata da un cast multietnico e di proteste online se ne sono diffuse con tanto di hashtag come #NotMyAriel#NotMyMermaid, in difesa di una icona. Il regista Rob Marshall ha rivendicato la scelta di affidare il ruolo alla giovane attrice:

Sono colpito non solo dalla sua gloriosa voce, ma anche dal fatto che Halle Bailey sia in possesso di quella rara combinazione di spirito, cuore, gioventù, innocenza e sostanza: tutte qualità intrinseche necessarie per interpretare questo ruolo iconico.

Se hai una passione ossessiva per il Nerd segui la redazione più colorata e fantasiosa del team “Unicorni” di Metropolitan Magazine. Ci trovi su Facebook e Instagram!

Giuliana Aglio

© RIPRODUZIONE RISERVATA

- Advertisement -
Giuliana Agliohttp://www.metropolitanmagazine.it
Laureanda in Scienze Politiche delle Relazioni Internazionali e Diplomatiche: Storia, Cultura, Mondo, Attualità, presso Unict. Amante della fotografia e della Settima Arte visionaria, come testimonianza storica d'impegno civile e documentaria, costantemente ispirata dal naturalista David Attenborough e da registi del calibro di Steven Spielberg, Martin Scorsese, Chris Columbus, Taika Waititi, Todd Phillips, Guillermo del Toro, Christopher Nolan e Denis Villeneuve. Innamorata dei Musical quali "The Greatest Showman" e del tanto acclamato "A Star is Born". Aspirando alla carriera da regista/giornalista continuerò ad emozionarmi non smettendo mai di sognare attraverso l'inspiegabile piacere che il cinema regala con la "magia" capace di rendere meravigliose le cose ordinarie e la "bellezza" di spingerci dove non ci sono confini e orizzonti.
- Advertisement -

Continua a leggere

- Advertisement -

Ultime News

- Advertisement -