MovieNerd

La trilogia di Ti West: X, Pearl e MaXXXine

Nessuno ha mai saputo enfatizzare il talento e la bellezza di Mia Goth come ha saputo fare Ti West nella sua trilogia slasher-horror X. In realtà che il volto dell’attrice si prestasse molto bene a questo tipo di interpretazioni, inquietanti e affascinanti allo stesso tempo, era cosa risaputa; tant’è che la stessa Goth nella sua carriera annovera personaggi di spessore, spigolosi e respingenti.

Parlare di Mia Goth è imprescindibile dall’analisi degli stessi film, perché sembra uno di quei casi in cui l’attrice protagonista entra talmente tanto in sintonia con il personaggio e la narrazione da plasmarne il risultato finale. La trilogia di Ti West si compone di tre film: X: A Sexy Horror Story (2022), Pearl (2022) e MaXXXine (in uscita nel 2023). I primi due film sono stati girati in contemporanea di cui Pearl è il prequel del primo film.

Maxine e Pearl, vittima e carnefice (e viceversa)

https://www.imdb.com/title/tt18925334/mediaviewer/rm3153921793?ref_=ttmi_mi_all_sf_32

X: A Sexy Horror Story è ambientato alla fine degli anni Settanta in Texas e racconta la voglia di rivalsa di una giovanissima Maxine (Mia Goth) che pur di sfondare nella grande Hollywood, realizzando quindi il suo sogno di diventare attrice, partecipa alle riprese di un film porno. Il gruppo inizia a girare nella fattoria di due anziani: tra i due la donna, Pearl (interpretata sempre da Mia Goth), vive di rimpianti e soffre per la bellezza perduta. La frustrazione di Pearl emerge nella contrapposizione con Maxine, giovane e bellissima, che ha davanti a sé un mondo da conquistare, lo stesso a cui Pearl ha dovuto rinunciare. Inizia quindi una sanguinolenta vendetta della donna nei confronti di un mondo che l’ha respinta e che, nel microcosmo della fattoria texana, assume i contorni dello sfortunato e scalcinato gruppo di giovani.

Pearl è stato presentato quest’anno fuori concorso al Festival del cinema di Venezia. Si concentra e approfondisce il personaggio dell’anziana donna, cercando di giustificare e dare spessore ai suoi grandi sogni di gloria. I tempi in cui nasce Pearl sono diversi da quelli in cui nasce Maxine e, inevitabilmente, deve dar conto a esigenze differenti, nonostante le due coltivino lo stesso desiderio di successo. Pearl cerca in tutti i modi per ritagliarsi la sua opportunità ma, quando il mondo non riesce a ripagare il suo impegno, la follia prenderà il sopravvento deragliando in tutti i modi possibili. Nonostante Pearl rimanga un film dal forte carattere perde il mordente del primo, pur rimanendo capace di catalizzare l’attenzione grazie anche al minuzioso studio dei suoi particolari.

In attesa del successo di MaXXXine

Ti West chiude la trilogia con MaXXine, catapultando gli spettatori direttamente negli anni Ottanta. Maxine torna a essere la protagonista e, dai pochi frammenti del trailer rilasciato dalla A24, possiamo intuire che sia finalmente arrivata a Hollywood. Los Angeles sarà pronta a essere travolta dai sogni di Maxine? Aspetteremo il nuovo anno per scoprirlo. Ti West, autore pressoché sconosciuto al grande pubblico, sancisce con questa trilogia la sua firma autoriale. Si dimostra un artista dall’idea chiara che piega il mezzo cinematografico alle sue volontà dal gusto squisitamente camp e retrò, come se Ti West avesse trovato la chiave per spiegare con il contemporaneo il cinema e i generi iconici del passato.

Seguici su Google News

Benedetta Vicanolo

Back to top button