Cultura

Lawrence d’Arabia, un britannico che amò il Medio Oriente

Thomas Edward, conosciuto come Lawrence d’Arabia, era figlio illegittimo del baronetto anglo-irlandese Thomas Chapman e della sua governante Sarah Junner. Nacque nel Galles il 16 agosto del 1888. Appassionato di avventura, si laureò in storia ad Oxford. Successivamente si dedicò completamente all’archeologia. Durante la sua esistenza viaggiò moltissimo, soprattutto nel Medio-Oriente. Restò totalmente affascinato e soggiogato da questi luoghi e dalla loro cultura.

Lawrence d’Arabia e le sue missioni in Medio Oriente

Il suo interesse si concentrò soprattutto sulle popolazione di quei posti e sulle loro problematiche. La sua maggiore fonte di ispirazione fu l’archeologo David George Hogarth. Questi lo introdusse in una sorta di ordine massonico che portava il nome di Tavola Rotonda.

Edward prese parte al primo conflitto mondiale. Durante lo stesso venne inviato in Egitto prima come addetto al Servizio Cartografico militare e in seguito come ufficiale nell’ Intelligence Service britannico. La missione di Edward fu quella di difendere il popolo arabo dall’oppressione degli ottomani. Molte ed avvincenti furono le avventure in questo periodo. Fu allora che ricevette la consacrazione definitiva all’identità di Lawrence d’Arabia. Egli divenne a tutti gli effetti l’eroe della unificazione dei paesi arabi. Fu però la stessa Gran Bretagna a negare la realizzazione del sogno. I paesi conquistati non raggiunsero infatti la libertà e l’indipendenza.

Lawrence d'Arabia, web
Lawrence d’Arabia, web

La passione per la scrittura

Fu in quest’epoca che, deluso, Lawrence d’Arabia iniziò a dedicarsi alla sua grande passione, quella per la scrittura. Diede vita così a molte celebri opere. La più celebre di queste, “I sette pilastri della sua saggezza”, pubblicata nel 1926.

Lawrence d’Arabia scomparve in un incidente motociclistico a Wareham, il 19 maggio del 1935. Aveva solo 47 anni. Di quest’incidente non si conobbe mai la vera dinamica. Si dice che Lawrence fosse in procinto di incontrare Adolf Hitler, con il quale avrebbe dovuto probabilmente instaurare dei misteriosi accordi.

Back to top button