Il Lazio stabilisce le sue regole per gli spostamenti: firmata l’ordinanza

Foto dell'autore

Di Redazione Metropolitan

Il Lazio ha firmato un’ordinanza che regola gli spostamenti nella regione. Non verrà controllata la temperatura di chi arriva in stazione

L’ordinanza per gli spostamenti nel Lazio

Dal 3 giugno è di nuovo possibile spostarsi tra le regioni italiane. Il Lazio ha stabilito un’ordinanza che spiega le regole da rispettare nel proprio territorio. Sarà vietato l’ingresso a chi presenta febbre superiore a 37,5° e sintomatologie respiratorie. Inoltre, non potranno entrare le persone già sottoposte a sorveglianza sanitaria.

Per quanto riguarda gli spostamenti in treno, aereo e nave, gli operatori provvederanno a misurare la febbre all’imbarco.

La stazione di Roma Termini – Foto Flickr

Temperatura misurata solo nel momento della partenza

All’arrivo, solamente i vettori e gli armatori del trasporto aereo e marittimo misureranno nuovamente la temperatura (per i treni non è previsto, ndr). “I vettori del porto di Civitavecchia” – spiega l’ordinanza – “sono tenuti a misurare la temperatura dei singoli passeggeri al momento dello sbarco. Il passeggero residente fuori dal Lazio che presenterà una temperatura pari o superiore a 37,5° dovrà chiamare il numero regionale dedicato 800.118.800“. All’occorrenza verrà attivato il SISP di competenza territoriale. Sarà disposto il test molecolare nelle stazioni ‘drive in’. Fino all’esito del test, la persona è tenuta a restare in isolamento, rispettando le misure del distanziamento sociale.

Restate aggiornati su Metropolitan Magazine Attualità. Seguiteci anche su Facebook e Twitter

Andrea Caucci Molara