Sono trascorsi esattamente 11 anni da quando, il 3 giugno 2009, la cantautrice Pixie Lott ha lanciato il suo singolo Mama Do (Uh Oh, Uh Oh). Il brano che si inserisce all’interno dell’album Turn It Up, nonché primo disco registrato in studio dalla pop-star britannica. Victoria Louisa Lott, in arte Pixie, ha conquistato un successo planetario a soli 17 anni, grazie a questa canzone, tanto da essere stata definita la Lady Gaga inglese (Daily Mail, quotidiano britannico).

“Mama Do”, Pixie Lott in vetta alle classifiche

Mama Do è un brano dal colorito pop e malinconico. La canzone esprime appieno le esigenze di una teen-ager. Evadere da un mondo fatto di schemi e di regole. A quell’età ci si sente stretti e ci si chiede, citando il brano stesso, “che cosa farebbe mamma se sapesse?“. Trasportata dalla passione per la musica e guidata dalle doti vocali e artistiche che la contraddistinguono, la cantautrice Pixie Lott è riuscita a raggiungere grandi obiettivi con questo brano. Primo singolo estratto dall’album, Mama Do ha venduto oltre 50.000 copie in tutto il mondo, passando per una settimana sulla Official Signales Chart nel 2009. Inoltre, il 15 agosto dello stesso anno la pop-star è stata selezionata per esibirsi davanti ad oltre 15.000 persone in Malaysia in occasione dell’ MTV World Stage.

D’altronde Victoria si è sempre mossa all’interno del mondo dello spettacolo. Versatile nel passare dai panni di attrice a quelli di ballerina, fino al raggiungimento del successo grazie alla sua più grande passione: la musica. Infatti, l’album Turn It Up, contenente il singolo, è stato certificato Oro in Inghilterra vendendo oltre 170.000 copie. Notevole consenso ha ottenuto anche il videoclip del singolo, che oggi conta più di 7 milioni di visualizzazioni. Insomma, la popolarità di questo brano continua a farsi sentire. Mama do ci accompagna ancora oggi tra le radio e le televisioni. Questo brano ci fa respirare quell’aria energica e giovanile che solo le pop-star di talento come Pixie Lott riescono a regalarci.
Seguici su Metropolitan Magazine e Metropolitan Music

© RIPRODUZIONE RISERVATA