AttualitàPolitica

Libia, Conte e Di Maio a Bengasi: scarcerati i pescatori sequestrati

Finalmente giungono notizie e aggiornamenti rasserenanti dalla Libia: nell’arco di questa mattinata, sono stati liberati i pescatori di Mazara del Vallo, sequestrati e detenuti in Libia.

107 giorni da prigionieri in Libia per i pescatori di Mazara del Vallo

Si tratta dei 18 operatori marittimi provenienti, appunto, dal comune di Mazara del Vallo (distante circa 200 km dalle coste Tunisine) e membri dell’equipaggio degli ormai noti pescherecci: l’Antartide e il Medinea. Gli otto Italiani, i sei Tunisini, i due Senegalesi e i due Indonesiani in questione, sono stati vittime di un sequestro ad opera dei militari del Generale e politico Libico Khalifa Haftar, avvenuto ben 108 giorni fa. Sono state precisamente le milizie della Libyan National Army a privare illecitamente i pescatori della loro libertà, tenendoli prigionieri all’interno di un carcere.

Conte e Di Maio a Bengasi per la scarcerazione dei pescatori

Stamane, il Premier Conte, accompagnato dal Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Luigi Di Maio, si è recato a Bengasi per concludere le “tappe” della scarcerazione: questa, infatti, è il risultato ottenuto dopo mesi di accordi tra Conte stesso, Di Maio e l’Intelligence. Ora il Ministro degli Affari Esteri scrive sui suoi profili social: “Fra poche ore potranno riabbracciare le proprie famiglie e i propri cari. Grazie all’AISE (servizio segreto per l’estero della Repubblica Italiana) e a tutto il corpo diplomatico che hanno lavorato per riportarli a casa. Il Governo continua a sostenere con fermezza il processo di stabilizzazione della Libia. Questo è ciò che io e il Presidente Giuseppe Conte abbiamo ribadito oggi stesso ad Haftar, durante il nostro colloquio a Bengasi.

Le dichiarazione del sindaco di Mazara del Vallo

Il Sindaco di Mazara del Vallo dice: “I nostri marittimi sono a bordo dei motopesca e aspettano l’ok per togliere le cime e fare rotta verso casa”. Ringrazia inoltre calorosamente il Governo e i giornalisti aggiungendo: “Hanno tenuto alto il livello di attenzione”. Anche Marco Marrone, armatore dell’imbarcazione Medinea, commenta la vicenda; Marrone ammette di aver pianto appena appresa la notizia comunicata dal nostro Presidente del Consiglio dei Ministri e successivamente confermata da Luigi Di Maio. I familiari delle vittime del sequestro, oltre all’intera comunità, attendono ansiosamente il loro rientro in Italia, per poterli abbracciare dopo questo lungo incubo durato mesi.

Resta aggiornato su tutta l’Attualità di Metropolitan Magazine, e segui la pagina Facebook.

Enrica Valentini

Back to top button