Luca Zaia: verranno rese pubbliche le nuove regole per gli happy hour

Ci saranno nuove regole riguardo gli happy hour, a riferirlo è proprio Luca Zaia. La divulgazione delle nuove disposizioni avverrà tramite uno spot, il video avrà lo scopo di sensibilizzare le persone.

Il Veneto è pronto a ripartire, lo fa aspettando le nuove regole per gli happy hour

Le norme di condotta verranno quindi divulgate tramite uno spot, lo annuncia Zaia. Risponde alle domande sorte dalla sua ultima dichiarazione, spiegando che, la movida non rappresenta una minaccia di per sé, ma bisogna constatare che debbano esserci delle azioni di salvaguardia. Una constatazione quindi, quella del presidente, che ha semplicemente avvisato che, se dovessero aumentare i contagi, la regione potrebbe essere richiusa.

“Frase d’ordine”: indossare le mascherine e tenere la corretta distanza sociale, evitando quindi gli assembramenti. Al fine di tranquillizzare parla degli indicatori sanitari, definiti da lui stesso eccezionali, infatti, solo 47 persone sono in terapia intensiva, metà delle quali libere dal covid. Ciò ha permesso di poter de-responsabilizzare le strutture ospedaliere, affidandosi alla responsabilità civica ed individuale del cittadino.

Si scaglia anche contro un fenomeno culturale, quello dei complotti. E’ un dato di fatto ormai che le mascherine vengano vissute come un atto di imposizione, quando in realtà non dovrebbe essere così. Afferma infatti che, molte persone, per ogni regola associano il nascondersi di un “grande fratello” che punti a far del male all’umanità.

Cosa dicono i numeri

Luca Zaia riferisce che:“Dall’inizio dell’emergenza sono aumentati rispetto al giorno precedente di ben 33 persone, arrivando a quota 19.030. Il tasso di persone costretto all’isolamento è diminuito di 180 persone, arrivando a toccare i 3.456 individui. 3.216 pazienti hanno potuto far ritorno a casa. 575 persone sono dovute essere ricoverate.

Chiarisce anche i rapporti con i suoi colleghi e cosa si prefigge di fare. Zaia è fermo nell’affermare che tutte le sue preoccupazioni e forze sono dirette al benessere della regione Veneto, che amministra con cuore ed orgoglio. I legami con Salvini sono saldi, riguardo Conte, dichiara di non sentirlo da un mese e mezzo. Appianati anche i dissidi con Attilio Fontana, presidente della regione Lombardia.

Seguici su Facebook

Visita il nostro Sito Ufficiale

© RIPRODUZIONE RISERVATA