Gossip e Tv

Lucrezia Lante della Rovere sull’ex compagno Luca Barbareschi: “A letto era audace”

Oggi felicemente nonna, Lucrezia Lante della Rovere ha una lunga e affascinante storia da raccontare. Per quei pochi che non lo sapessero, è la figlia di Marina Ripa di Meana e appartiene a una famiglia ducale. Naturale che abbia vissuto un’infanzia diversa dai coetanei, come raccontò lei stessa al Corriere della Sera.

La Roma in cui è cresciuta differiva dalla attuale, era poetica e sgarrupata degli artisti, pittori quali Mario Schifano e Franco Angeli. Nany Ruspoli, madre di Francesco, anche lui ancora ragazzino, si era messa con Schifano, la sua mamma invece con Angeli. I grandi fumavano canne. Lei, timida e spaventata, vacillava tra una parte molto rigorosa, una sorta di difesa, e il divertimento procuratole da Franco Angeli. Anarchico, violento, un ribelle vero.

A casa Lucrezia Lante della Rovere vide passare tutto il mondo dell’arte e della letteratura. Moravia e Goffredo Parise erano parecchio amici di mamma, il poeta Franco Serrano aveva preso una sbandata per la sua prosperosa tata, e lei era gelosissima. Una madre così era psicotica, sicuramente scissa. Non era ricca, i creditori la rincorrevano, ma si è sempre inventata una vita da principessa. L’ha cresciuta da privilegiata.

Da parte sua, Lucrezia non si è fatta mancare varie storie sentimentali. La più famosa quella con Luca Barbareschi. Due violenti – commentò Lucrezia Lante della Rovere al Corriere – finiscono per ammazzarsi insieme, è stato un rapporto da montagne russe. Fino a una certa età manchi di autostima, poi cambi. Ma all’epoca era talmente giovane da ignorare cosa fosse l’amore. Con Luca pensava bisognasse fare ogni esperienza. Scoprire le infedeltà era un atto eroico, nella complicità accettava tutto. Rientrava nell’amore, pure le perversioni, la sessualità dell’altro.

In particolare, Barbareschi aveva una sessualità audace. Le prostitute, la sua bisessualità, era uno fantasioso. Per dirla alla Vasco Rossi c’è un tempo dove cerchi una vita spericolata, finché, quando provi i primi acciacchi, rallenti.

Oggi non starebbe più insieme ad un uomo capace di farla dubitare, ingelosire, soffrire l’insicurezza. Quello è il passato, mentre all’epoca dell’intervista faceva coppia con il pittore Marco Tirelli, rimasto suo compagno per cinque anni. Oggi non è dato sapere se abbia in corso delle frequentazioni.

Seguici su Google News

Back to top button