Gossip e TV

Luigi Busà, chi è la moglie Laura Pasqua: “Non le piacevo, perché ero selvaggio”

Laura Pasqua è la moglie di Luigi Busà, karateka italiano, specializzato nel kumite. Entrambi siciliani doc, si conoscono da bambini sul tatami: i padri, ora entrambi maestri di karate, erano compagni di squadra e di avventure agonistiche. “Non c’era molta simpatia tra noi a stento ci salutavamo. Lei diceva che ero troppo ‘selvaggio’ e che non mi esprimevo bene, mentre lei per me era la secchiona che non parlava il dialetto”, ha ricordato Busà alla Gazzetta dello Sport. Poi tutto è cambiato tra di loro: “Dopo una serata in discoteca è scattato un bacio sopra ad una vespa, da quel momento siamo diventati una cosa sola. Non ci siamo fidanzati subito perché lei studiava all’Università di Padova, ma accadde qualche mese dopo in un ritiro con la Nazionale”. Nel 2008 entrano insieme a fare parte del Gruppo Sportivo della Forestale e nel 2017 passano al Centro Sportivo dei Carabinieri.

Nel 2018 Luigi Busà vince l’argento a Madrid e per festeggiare, dopo la gara, fa la proposta di matrimonio a Laura, davanti a tutta la nazionale. Sognavano di sposarsi dopo le Olimpiadi di Tokyo 2020, ma il Covid ha scombussolato tutti i piani. Così lo scorso 11 settembre si sono sposati a Villa Infinito Mare nella loro Sicilia: “È stato il giorno più bello della mia vita. Dopo tante finali europee, mondiali, dopo le qualifiche olimpiche, il momento in cui più mi sono sentito teso e agitato è stato proprio prima del mio matrimonio”, ha raccontato Luigi alla Gazzetta dello Sport.

Laura Pasqua è la moglie di Luigi Busà, karateka italiano, specializzato nel kumite. Entrambi siciliani, si sono conosciuto da bambini sul tatami: i padri. Entrambi maestri di karate, sono stati compagni di squadra e di avventure agonistiche. “Non c’era molta simpatia tra noi a stento ci salutavamo. Lei diceva che ero troppo ‘selvaggio’ e che non mi esprimevo bene, mentre lei per me era la secchiona che non parlava il dialetto”, ha ricordato Busà alla Gazzetta dello Sport.

Luigi Busà conquista una medaglia d’oro nel karateL’atleta azzurra riscrive la storia non solo dell’arte marziale, ma dello sport italiano in generale. Nella finalissima del kumite -75 kg il “Gorilla di Avola” batte l’azero Rafael Aghayev (cinque volte campione del mondo), con il punteggio finale di 1-0, e conquista la medaglia del primo posto.

L’azzurro Luigi Busà ha conquistato l’oro nel karate specialità kumite -75 kg uomini alle Olimpiadi di Tokyo. Il siciliano di Avola, classe ’87, ha battuto l’azero Rafael Aghayev, suo eterno rivale. ( (con il punteggio di 1-0). È dunque del metallo più prezioso la medaglia numero 37 della spedizione italiana a Tokyo 2020, record nazionale per una singola edizione dei Giochi.

Adv
Adv
Back to top button