La stagione del Torino non è stata sinora all’altezza delle aspettative e di questo ne è ben consapevole Urbano Cairo, che guarda già al futuro. In chiave mercato ci sarà una vera e propria rivoluzione nel reparto difensivo con Lyanco unico ritenuto incedibile dai granata. Izzo, Bremer, Nkoulou e Djidji potrebbero partire con le offerte giuste, viste le prestazioni deludenti di questa annata e la necessità di nuovi elementi nella rosa. La dirigenza granata è pronta a cambiare tutto e vede la solidità difensiva come primo pilastro per costruire un progetto di successo.

Lyanco, l’incedibile

Nonostante le sole dieci presenze durante questa stagione, Lyanco rimane il difensore granata più apprezzato e richiesto in Italia e all’estero. Bloccato da un infortunio fino a qualche settimana fa (distorsione al legamento collaterale del ginocchio destro), il difensore è stato già dalla scorsa estate bloccato da Cairo con un contratto fino al 2024. Il classe ’97 ha infatti richieste in Italia dal Bologna dove ha già militato la scorsa stagione e in Germania dal Wolfsburg; ha mostrato interesse per il centrale brasiliano anche il Galatasaray, ma Cairo ha già in mente un piano.

Considerando il suo valore, Lyanco sarà protagonista del Torino di domani; quella che ha in mente il patron granata è una vera e propria rivoluzione nel reparto difensivo, con Izzo, Bremer, Djidji e Nkoulou pronti a partire. Se arrivassero infatti offerte ritenute eque dalla dirigenza, il Torino cambierà completamente volto, affidandosi a quello che è uno dei più promettenti centrali del nostro campionato.

Seguici su:
Facebook

Twitter

© RIPRODUZIONE RISERVATA