Clamoroso: l’Uefa ha escluso il Manchester City di Josep Guardiola dalle prossime due edizioni della Champions League e ha anche inflitto una multa da 30 milioni di euro alla società inglese. Cosa succederà nel prossimo futuro?

Manchester City: batosta incredibile

Esclusione dalle edizioni 2020/21 e 2021/22 con annessa multa da 30 milioni di euro. Questa è la decisione inflitta dall’Uefa al Manchester City per le violazioni in materia di Fair Play Finanziario. Secondo le indagini della commissione di controllo della Federazione Internazionale, il club anglosassone avrebbe gonfiato le sponsorizzazioni a suo favore per sistemare i conti rientrando, così, nei parametri che permettono la partecipazione ai tornei continentali.

Le regole del FPF dicono, ormai abbiamo imparato a conoscerle, che i costi ed i ricavi devono mantenersi in equilibrio. Il verdetto arriva in seguito a un’indagine che era scattata dopo la pubblicazione di alcune e-mail e documenti da parte della rivista teutonica “Der Spiegel” in un servizio che risale a molto tempo fa: era il novembre del 2018. Quale futuro per il Manchester City? La via più plausibile porta all’immediato ricorso dei “Citizens” ma, qual ora fallisse, tanti big potrebbero decidere di cambiare aria: Guardiola compreso. Il tecnico iberico interessa moltissimo alla Juventus di Andrea Agnelli. Questa sentenza potrebbe avvicinarlo ai bianconeri? È ancora presto per dirlo…

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA