Maradona verrà operato al cervello: ha un ematoma subdurale

Maradona (Getty Images)
Maradona (Getty Images)

Diego Armando Maradona, il più forte calciatore della storia del calcio insieme a Pelè, dovrà essere operato al cervello nelle prossime ore. Gli accertamenti svolti nella clinica “Ipensa” di La Plata in cui è ricoverato, infatti, hanno evidenziato la presenza di un ematoma subdurale. A quanto pare, secondo il racconto delle persone vicine all’ex numero dieci di Barcellona e Napoli, conseguenza di un trauma cranico. L’ex fenomeno dovrebbe essere operato in una struttura ospedaliera privata, il “Fleni“, situata a Olivos, nella provincia di Buenos Aires. Preoccupazione per tutto il mondo del calcio: alcuni tifosi, per sostenere l’argentino, hanno affisso striscioni in suo onore e stazionano sotto la clinica per “rimanere vicino” all’ex stella sudamericana.

Le parole di Leopoldo Luque, medico personale di Maradona

L’attuale allenatore del Gimnasia verrà operato intorno alle ore 20:00. Leopoldo Luque, medico personale di Diego Armando Maradona, si è intrattenuto con i giornalisti spiegando il quadro clinico dell’ex campione del mondo con l’Argentina. Il “Dio” del calcio, secondo il medico, dovrà sottoporsi ad un intervento non pericoloso. Ecco le parole di Luque: “Diego è lucido e molto tranquillo. Si tratta di un intervento di routine, e lui è d’accordo sul fatto di essere operato. Eseguirò io stesso l’intervento“. L’ematoma, a quanto pare, si è formato nella parte sinistra della testa del tecnico argentino dopo una caduta accidentale in casa, al quale inizialmente lo stesso ex calciatore non avrebbe dato importanza. Servirà un’operazione per risistemare la situazione clinica. Il mondo del calcio, ovviamente, attende con il fiato sospeso.

Seguici su Metropolitan Magazine

© RIPRODUZIONE RISERVATA