Sport

Maria Centracchio, festa per il bronzo: “Una medaglia per i sognatori”

Adv

Una gioia giustificatissima quella di Maria Centracchio. L’atleta azzurra ha vinto la medaglia di bronzo alle Olimpiadi di Tokyo 2020 nel judo.

Il post della medaglia di bronzo Maria Centracchio

Ecco il post Instagram apparso sul profilo ufficiale di Maria Centracchio dopo la conquista del bronzo: “Questa è per i sognatori, per i diversi, per quelli a cui è stato detto e ridetto di non avere le capacità per intraprendere quella strada, per quelli che devono fare il doppio degli altri per poter essere presi in considerazione la metà, per quelli a cui nessuno dà fiducia e che la trovano tutta dentro loro stessi pur di andare avanti, per quelli che cadono ad ogni passo ma che si rialzano più forti di prima e il passo dopo lo fanno sempre un po’ più lungo… potrei andare avanti all’infinito ma non ce n’è bisogno, ci siamo capiti. Questa è per noi, perché nessuno dei nostri sforzi è mai stato vano”.

Il post conclude: “Ho scritto queste parole parecchio tempo fa, quando niente lasciava pensare che sarei potuta arrivare qui, perché come ho fatto in questi ultimi cinque anni, anche quel giorno non ho preso in considerazione l’oggettività, ma quello che sentivo. Oggi ho al collo questa medaglia pesantissima per cui ringrazio la mia famiglia, numerosa particolare e forte; il mio fidanzato, che mi ha insegnato tantissimo e dato tutto l’amore e l’appoggio incondizionato che potessi desiderare; Martina, la persona che più di tutti sa com’è stata costruita questa medaglia; Odette, la persona che mi ha mostrato la via sin da piccole e che mi dà ogni giorno la possibilità di accompagnarla e farmi sognare; Daniela, mamma e moglie fantastica, pezzo di cuore da sempre; i miei compagni di squadra, sopratutto Fabio che ieri mi ha aiutata tantissimo; la Fijlkam e il gruppo sportivo delle fiamme oro, specialmente Luca Elio e Dario, senza i quali questo percorso non sarebbe stato possibile veramente. Grazie! Grazie alla mia terra e grazie a tutti per l’affetto che mi state dimostrando“.

Seguici su Metropolitan Magazine

Adv
Adv
Adv
Back to top button