Sport

Marika Lyszczyk: sì, le donne giocano a baseball

Le donne nello sport stanno arrivando a ritagliarsi sempre maggiore spazio, nel tentativo di arrivare ad un’equiparazione con i colleghi uomini. L’ultimo caso salito alla ribalta della stampa internazionale è quello di Marika Lyszczyk, giocatrice di baseball canadese che dalla prossima estate giocherà con i Brockton Rox. Cosa c’è di strano? Di fatto lei è la prima donna a giocare in una squadra di baseball e il suo spazio se lo è già ritagliato in NCAA.

Marika Lyszczyk pronta a scrivere la storia del baseball

Marika Lyszczyk: sì, le donne giocano a baseball
Marika Lyszczyk (Crediti foto: Marika Kyszczyk Instagram)

Ad essere sinceri, Marika Lyszczyk in parte la storia del baseball l’ha già scritta. Durante una partita giocata quasi per divertimento dalla sua squadra di softball fu visionata da un osservatore, Jeremy Booth, che le propose di giocare a Baseball a livello collegiale. Come afferma lei stessa in un’intervista, si aspettava che l’avesse chiamata come lanciatrice e invece fu l’inizio della sua carriera da ricevitrice.

Il suo primo approccio fu con la PBL, Premier Baseball League, dove Paul Hargreaves decise di darle fiducia con i Whalley Chiefs. Non mancò lo scetticismo di chi lo accusò di star danneggiando il gioco, abbassando il livello di competizione attraverso lo schieramento di una ragazza. Critiche a cui non ha dato ascolto, perché era ben a conoscenza del valore di Lyszczyk. Infatti tutt’ora a chi lo chiama pioniere, Hargreaves risponde semplicemente che lei era brava abbastanza da poter avere un posto in squadra, pura meritocrazia. Può anche esserlo un poco, ma allo stesso modo lo è Marika.

Adesso l’avventura con i Brockton Rox, sognando la MLB

Il sogno però non si ferma qui, perché è notizia di qualche settimana fa che Marika Lyszczyk abbia firmato un contratto con i Brockton Rox e raggiungerà la squadra a fine Maggio, dopo la conclusione del semestre del college. Chi l’ha vista e la vede giocare non fa che tesserne le lodi e chissà che in futuro non possa davvero approdare in Major League. La strada è lunga, ma in fondo come è stato abbattuto il primo muro, se la bravura lo consentirà, si abbatterà anche il secondo.

Maria Laura Scifo

Seguici su Metropolitan Magazine

Back to top button