Attualità

Mdma, come vengono camuffate le droghe per posta

Nonostante la pandemia il mercato della droga non si è per niente fermato. Droghe come l‘Mdma e le anfetamine vengono spediti per posta camuffate nei modi più disparati come nel cibo per cani o in zuppe liofilizzate. Questi prodotti nelle mani di persone ignare possono causare gravi forme di intossicazione e morte come nel caso dello champagne modificato in Germania.

Come l’Mdma e le altre droghe vengono camuffate per posta

“Direi che negli ultimi cinque anni abbiamo visto molte più sostanze tranquillizzant come ketamina, GHB e benzodiazepine (un antidepressivo), per esempio. Abbiamo visto un aumento anche nell’ecstasy. Nel 2021 ne abbiamo trovati oltre 100 chili nelle poste, cioè il 20 percento in più rispetto al 2020.”. Sono le parole del portavoce del ministero dell’economia e finanze belga Florence Angelici. L’Mdma, più comunemente nota come ecstasy, non ha subito crisi con la pandemia ma anzi il consumo di queste droghe sintetiche è aumentato grazie al dark web. Molto spesso come dimostra il caso del Belgio vengono distribuite per posta nei modi più svariati.

Sono state ad esempio ritrovati ovetti sorpresa con dentro ecstasy diretti in Australia, droghe sintetiche in croccantini per cani diretti in Pakistan o nella zuppa liofilizzata per gli Stati Uniti. “È molto difficile tracciare chi spedisce e chi è la persona destinata a ricevere davvero questi pacchi”, fa sapere l’Angelici, “in genere, l’indirizzo del mittente è rubato da una persona vittima di furto d’identità. Oppure è un indirizzo falso o uno che non esiste”. Inoltre molto spesso le polizie di dogana cercano di fermare la transazione non di rintracciare la fonte del pacco.

Il caso dello champagne

I prodotti modificati con l’ecstasy nelle mani di persone ignare del contenuto possono provocare anche gravi intossicazioni o morti. È il caso di alcune bottiglie di champagne Moët & Chandon che, spiega il nostro Ministero della Salute, sono state “manipolate, in quanto i tappi non corrispondono ai tappi iniziali e potrebbero anche essere state completamente svuotate di champagne e quindi riempite con puro Mdma liquido”. Queste hanno provocato 11 intossicazioni tra Germania e Paesi Bassi e un morto in Baviera che aveva acquistato una delle bottiglie contraffatte su Ebay.

Stefano Delle Cave

Seguici su metropolitanmagazine.it

Stefano Delle Cave

Stefano Delle Cave è scrittore, giornalista pubblicista e regista. Laureato magistrale in D.A.M.S. all’Università di Roma Tre. Gli articoli redatti da Stefano giornalista hanno per tema il cinema, la cultura e la società civile in genere.
Back to top button