Megan Rapinoe, discorso da Oscar contro l’omofobia

La statunitense è stata eletta miglior calciatrice del mondo.

Megan Rapinoe ha vinto il premio durante i Fifa Awards 2019. La calciatrice degli Stati Uniti, fresca vincitrice del Mondiale di categoria che si sono svolti in Francia, ha ricevuto il premio alla Scala di Milano. La trentaquattrenne ha incantato tutti con il discorso che, come da tradizione, precede l’assegnazione dell’ambito premio. Omofobia e razzismo gli argomenti chiave toccati dall’atleta.

Megan Rapinoe: “Basta omofobia!”

Ecco il discorso integrale della calciatrice più forte del mondo:

“Sento che se vogliamo veramente un cambiamento significativo quello che penso sia più stimolante è se tutti più di  Raheem Sterling o Kalidou Koulibaly, se tutti fossero indignati dal razzismo come loro. Se chiunque altro lo fosse. Se  chiunque fosse indignato dall’omofobia come lo sono i giocatori LGBT. Se chiunque fosse indignato dalla parità salariale, dalla sua mancanza o dalla mancanza di investimenti nel calcio femminile, più di quanto lo siano le donne. Questa sarebbe la cosa più stimolante per me. Offrite il vostro palco ad altre persone, elevate gli altri, condividete il vostro successo.  Abbiamo un’unica opportunità nel calcio, diversamente da ogni altro sport nel mondo, per usare questo bellissimo gioco, per migliorare veramente il mondo. Questa è la mia sfida per tutti. Spero che la portiate nel cuore e facciate qualcosa, fate qualsiasi cosa , in questa stanza abbiamo un incredibile potere”.

A luglio scorso, l’atleta, dichiaratamente omosessuale, si era rifiutata d’incontrare Donald Trump, attuale Presidente degli Stati Uniti, alla Casa Bianca dopo il trionfo iridato degli USA al Mondiale femminile che si è svolto in Francia.

Ecco il video del discorso tenuto da Megan Rapinoe alla Scala di Milano durante i Fifa Awards 2019:

LEGGI TUTTI GLI ARTICOLI DELL’AUTORE

Pagina Facebook dell’autore

Account Twitter autore

Seguici su:

Pagina Facebook Metropolitan Magazine Italia

Account Twitter ufficiale Metropolitan Magazine Italia

© RIPRODUZIONE RISERVATA